in

Manovra 2020, i rischi del “salvo intese”: parla il Ministro Boccia

Secondo il Ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia la Manovra di Bilancio, approvata “salvo intese”, si può migliorare, oppure l’esperienza del Governo Conte bis può dirsi conclusa. L’intervento è arrivato a margine di un incontro di Confindustria in corso a Capri, e non è certo passato inosservato.

“La Manovra l’abbiamo appena approvata in Consiglio di Ministri, con la formula salvo intese. Il Parlamento è sovrano, in Parlamento ci sarà un confronto fra le forze parlamentari. Si può migliorare e si può peggiorare, se si peggiora, è meglio andare a casa, se si migliora si va avanti” , ha dichiarato il ministro.

Poco importa se ci sarà un altro Consiglio dei Ministri sul tema, per appianare le divergenze tra le varie forze politiche, perché, spiega Boccia: “Non cambierebbe la valutazione degli italiani. Gli imprenditori e i lavoratori vogliono solo sapere quando risponderemo alle loro istanze. Parlare di liti nella maggioranza non mi appassiona”.

Tra i punti fermi della Legge di Bilancio per il Ministro Boccia c’è quella che definisce “La cambiale di 23 miliardi per scongiurare l’aumento dell’IVA”, lasciata da Salvini. A questa, si aggiungono altri 6 miliardi concentrati sulla riduzione delle tasse sul lavoro. “Non so se è poco, io penso che sia giusto, poi con calma e seriamente, rimetteremo le cose in ordine, senza ansia da prestazione”, ha concluso l’esponente PD del Governo Conte.

La Manovra di Bilancio è stata approvata dal Consiglio dei Ministri con la formula “salvo intese” ufficialmente solo per alcuni dettagli, relativi a delle cifre da sistemare. In realtà “salvo intese” indica che ci sono ancora dei nodi da sciogliere. Da quota 100, ai provvedimenti sulle partite IVA alla lotta al contante, la Legge di Bilancio continua a far discutere le diverse anime della Maggioranza.

Al momento, comunque, il premier Giuseppe Conte sembra intenzionato a confrontarsi sugli aspetti tecnici ma senza stravolgere quanto già approvato. Domani è previsto un nuovo vertice di maggioranza, ma la Manovra non tornerà in Consiglio dei Ministri, perché, ha spiegato il Capo del Governo: “È stata approvata e deliberata dai ministri di tutte le forze politiche”. Lo stesso, poi, ha ribadito: “Abbiamo approvato la manovra salvo intese ed è giusto un momento di confronto per gli ultimi dettagli, per verificare le ultime posizioni delle forze politiche su questi dettagli”. Ma stando alle ultime indiscrezioni, non si discuterà solo di dettagli.


Fonte: https://quifinanza.it/finanza/feed/


Tagcloud:

Leopolda 10, Renzi attacca il Governo: come Quota 100 penalizza il Paese

Manovra 2020, tensione nel Governo: contestate stretta su Partite IVA e “balzelli”