in

Sciopero clima, Costa: “Malcontento giovani stimolo ad agire presto e bene”

(Teleborsa) – Mai come in questo periodo si fa un gran parlare di cambiamento climatico e relative conseguenze: una emergenza da affrontare con urgenza e tempestività.

Ai giovani che oggi sono scesi in piazza “per rivendicare il diritto di poter vivere in un mondo migliore, meno inquinato, dove sviluppo economico e rispetto dell’ambiente possano viaggiare di pari passo, dove le condizioni climatiche estreme non generino sempre più frequenti ‘migrazioni ambientali’, voglio dire che il loro grido d’allarme non è destinato a cadere nel vuoto”. Lo ha detto il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa commentando il quarto sciopero globale per il clima indetto dal movimento Fridays for future, che ha visto scendere in piazza in Italia migliaia di ragazzi.

“Siamo consapevoli che le loro proteste sono rivolte verso di noi, verso le scelte della politica nazionale e internazionale, ma il malcontento e l’indignazione delle nuove generazioni non possono che essere uno stimolo in più ad agire presto e bene ha sottolineato il Ministro rilevando che “il nostro Paese giocherà un ruolo di prima linea e fondamentale non solo amplificando e portando all’attenzione di tutti l’emergenza costituita dai cambiamenti climatici, ma anche lottando per ottenere risultati concreti e tangibili, con una programmazione di interventi nel lungo periodo, perché non possiamo più permetterci di agire seguendo la logica dell’emergenza”.


Fonte: https://quifinanza.it/finanza/feed/


Tagcloud:

Unicredit, esercizio di trasparenza nell'UE del 2019

Confagricoltura, Giansanti incontra a Bruxelles commissari UE