in

Costruzioni, 2019 positivo ma non c'è ancora netta inversione di rotta

(Teleborsa) – L’economia dell’Italia resta ferma ed il settore delle costruzioni, pur a fronte di timidi segnali di ripresa, non registra una vera inversione di tendenza. E’ quanto emerge dall’Osservatorio congiunturale sull’industria delle costruzioni dell’ANCE, associazione che rappresenta i costruttori edili.

Il PIL – si sottolinea – è prossimo allo zero, mentre il settore delle costruzioni, nel 2019, ha fatto segnare un aumento degli investimenti del 2,3%. Una performance che, pur positiva, non può “rappresentare una svolta” per un settore che negli ultimi 11 anni è crollato ai minimi storici.

Prospettive moderatamente positive per il 2020, anno in cui l’ANCE prevede un aumento degli investimenti dell’1,7%, trainato soprattutto dall‘edilizia abitativa (+2,5%) ed anche dalle manutenzioni dello stock abitativo esistente (+1,5%) per effetto degli adeguamenti coperti da sismabonus, ecobonus e bonus facciate. Attesa una ripresa degli investimenti in opere pubbliche (+4%) per effetto della ripresa dei bandi di gara anche se permangono difficoltà sulla spesa dei grandi enti.


Fonte: http://news.teleborsa.it/NewsFeed.ashx


Tagcloud:

Istat, nel 2018 spesi 293 miliardi di euro in prestazioni pensionistiche

Eni: sorpresa da decisione Antitrust, ricorrerà a TAR