More stories

  • in

    Clima, dicembre 2021 in Europa è stato il più freddo dal 2012 nonostante il caldo record della fine del mese

    (Teleborsa) – L’Europa ha avuto il suo dicembre più freddo dal 2012, anche se diversi paesi hanno sperimentato un caldo record alla fine del mese. È quanto è emerso dal bollettino mensile Copernicus della Commissione europea. L’estensione del ghiaccio marino artico a dicembre 2021 era solo del 2% inferiore alla media del periodo 1991-2020, classificandosi al 12° posto più basso nella registrazione di dati satellitari degli ultimi 43 anni.Lo scorso mese è stato anche più piovoso della media nell’Europa centrale e meridionale. Al contrario, condizioni più asciutte della media si sono registrate sulle Alpi, in Scandinavia, in parti dell’Europa orientale e della penisola iberica.Il bollettino ha segnalato che a dicembre 2021 c’è stato un sorprendente contrasto di temperature in tutta Europa. Temperature superiori alla media 1991-2020 si sono verificate nell’Europa occidentale e in gran parte del sud, dalla penisola iberica al Mar Nero. Ad esempio, nel Regno Unito , queste temperature superiori alla media sono state associate al rilevamento di nuovi record giornalieri di temperatura fino a 16,5°C a Capodanno. Al contrario, in tutta la Scandinavia e nell’Europa nord-orientale, le temperature sono state al di sotto della media, con la Svezia che ha registrato il suo primo dicembre più freddo della media dal 2012. I -20,9°C di San Pietroburgo, in Russia, infine, hanno battuto un record giornaliero che reggeva dal 1893. LEGGI TUTTO

  • in

    Clima e transizione: la parola d'ordine è “cooperazione”

    (Teleborsa) – “Un nuovo sistema energetico globale sta emergendo, lo vediamo ogni giorno, il 90% di tutte le centrali istallate nel 2021 è da fonti rinnovabili ed il solare ha la leadership nel nuovo mercato elettrico”. Lo ha detto il Direttore esecutivo dell’AIE, Fatih Birol, in occasione della sua visita a Roma per un evento organizzato dall’Eni intitolato “World Energy Outlook 2021 – L’Italia e la transizione energetica tra Cop26 e scenari globali”.Il messaggio che l’ultima edizione del WEO vuole dare – ha spiegato Birol – è che “dobbiamo preparare le nostre economie ed industrie, senza escludere nessuno, ed abbiamo bisogno di tutte le tecnologie esistenti, auto elettriche, carbon capture e così via, per centrare l’obiettivo di riduzione delle emissioni”.Il Direttore dell’AIE ha tenuto anche a sottolineare che il cambiamento non sarà improvviso, “dal giorno alla notte”, ma sarà progressivo e stabile nel tempo. Birol ha anche riconosciuto l’importanza della leadership dell’UE ed il suo ruolo chiave per la decarbonizzazione.L’evento si è tenuto al Gazometro, a Roma, un luogo simbolo per l’Eni. L’Amministratore delegato Claudio Descalzi ha ricordato che il processo di transizione dell’Eni è iniziato nel 2014, in coincidenza con la crisi dell’oil&gas, che ha stimolato la ricerca di “alternative” al core business. Una scelta che nel tempo ha visto il gruppo impegnato con importanti investimento per lo sviluppo di diverse tecnologie – dalle bioraffinerie alla carbon capture – per arrivate a delineare una strategia che ha come obiettivo il Net Zero.A proposito del problema della carbon tax, Descalzi ha sottolineato che c’è bisogno di una sistema più equilibrato, dove tutti pagano la tassa sulle emissioni, a partire da Cina, Stati Uniti e Russia, altrimenti ne va della competitività di Paesi come l’Europa che hanno una carbon tax che ha raggiunto circa 70 dollari.Il tema della cooperazione internazionale è stato condiviso da tutti gli ospiti all’evento, compreso il Vicepresidente europeo Paolo Gentiloni, che ha parlato della leadership europea nel campo della transizione energetica e della necessità di esercitarla dentro e fuori i suoi confini. Il commissario ha messo il punto anche su un altro aspetto cruciale, il bilanciamento fra la transizione climatica e la sua accettabilità sociale, sottolineando “quello che nn dobbiamo fare è rendere la transizione difficile da realizzare perché non accettata”.A Proposito del PNRR, Gentiloni ha riconosciuto la difficoltà di mettere a terra risorse ingenti e l’impegno richiesto per farlo, ma ha sottolineato che “senza transizione climatica, la forza e competitività della manifattura italiana sarà messa a rischio e l’utilizzo delle risorse sarà fondamentale per il futuro del Paese”.Anche il Ministro degli esteri Luigi Di Maio ha parlato dell’importanza di un coordinamento globale ed ha fatto cenno alla Cop 26 ed al fondo di 100 miliardi di dollari per sostenere la transizione dei Paesi in via di Sviluppo, che necessariamente andrà a favorire la sponda a Sud del Mediterraneo, con implicazioni anche sul fronte geopolitico e delle migrazioni. LEGGI TUTTO

  • in

    Clima, MEF: Italia aderisce a coalizione Export Finance for Future

    (Teleborsa) – “L’Italia ha aderito alla coalizione Export Finance for Future (E3F) che riconosce il ruolo del sostegno finanziario pubblico alle esportazioni nel promuovere la transizione verso progetti e investimenti compatibili con gli obiettivi dell’Accordo di Parigi. L’iniziativa è in linea con gli obiettivi della dichiarazione di Roma del 31 ottobre scorso al termine del Summit G20 e con i principi dichiarati nel Summit G7 di Carbis Bay del giugno scorso e segue gli impegni assunti nell’ambito della COP26 tenutasi recentemente”. Lo comunica il Mef in una nota sottolineando che le iniziative della coalizione, di cui fanno parte Danimarca, Francia, Germania, Olanda, Regno Unito, Spagna e Svezia, rientrano nel processo volto a generare valore nell’ambito di una transizione ecologica che sia in grado di garantire un percorso graduale e ordinato per i cittadini, le imprese e l’occupazione. L’adesione dell’Italia alla coalizione è stata perfezionata nel corso della riunione odierna ed è concomitante a quelle di Belgio e Finlandia. LEGGI TUTTO

  • in

    Clima, Legambiente: “Escalation di eventi estremi in Italia: 1,55 miliardi l'anno per gestire emergenze”

    (Teleborsa) – Record di caldo, piogge intense, grandinate estreme, violente trombe d’aria e alluvioni. In Italia l’impatto dei cambiamenti climatici è sotto gli occhi di tutti e i dati sull’accelerazione di questi fenomeni sono sempre più preoccupanti. Dal 2010 al 1 novembre 2021 sono stati registrati 1.118 eventi meteorologici estremi (133 nell’ultimo anno, +17,2% rispetto alla scorsa edizione del rapporto) in 602 comuni (+95 rispetto allo scorso anno, quasi +18%) con 261 vittime (9 solo nei primi dieci mesi di quest’anno). Roma è stata la città più colpita, seguita da Milano e Bari. È quanto emerge dal Rapporto dell’Osservatorio Città Clima 2021 di Legambiente, presentato oggi, realizzato con il contributo del Gruppo Unipol e la collaborazione scientifica di Enel Foundation.Negli ultimi dieci anni – evidenzia il Rapporto – si sono verificati 486 casi di allagamenti da piogge intense, 406 casi di stop alle infrastrutture da piogge intense con 83 giorni di stop a metropolitane e treni urbani, 308 eventi con danni causati da trombe d’aria, 134 gli eventi causati da esondazioni fluviali, 48 casi di danni provocati da prolungati periodi di siccità e temperature estreme, 41 casi di frane causate da piogge intense e 18 casi di danni al patrimonio storico.LE AREE PIÙ COLPITE – Sono 14 in Italia le aree più colpite da alluvioni, trombe d’aria e ondate di calore. Si tratta di grandi aree urbane e di territori costieri: ad intere città come Roma, Bari, Milano, Genova e Palermo, vanno aggiunti la costa romagnola e a nord delle Marche (42 casi), la Sicilia orientale e la costa agrigentina (38 e 37 eventi estremi), l’area metropolitana di Napoli (31 eventi estremi), il Ponente ligure e la provincia di Cuneo, con 28 casi in tutto, il Salento, con 18 eventi, la costa nord Toscana (17), il nord della Sardegna (12) e il sud dell’isola con 9 casi. Nelle aree della Sicilia orientale e della costa agrigentina – si legge nel rapporto – sono stati numerosi i record registrati nel corso del 2021: a Siracusa l’11 agosto, si è raggiunto il record europeo di 48,8 gradi centigradi, nel catanese e siracusano in 48 ore si è registrata una quantità di pioggia pari ad un terzo di quella annuale. Inoltre, proprio questa parte dell’isola è stata teatro di devastazione a seguito del medicane Apollo. In Salento, nei 18 eventi 12 sono stati caratterizzati da danni da trombe d’aria. In cima alla classifica delle città più colpite figura Roma dove, dal 2010 al 1 novembre 2021, si sono verificati 56 eventi, 9 solo nell’ultimo anno, di cui ben oltre la metà, 32, hanno riguardato allagamenti a seguito di piogge intense. Segue Bari con 41 eventi, principalmente allagamenti da piogge intense (20) e danni da trombe d’aria (18). Terza Milano con 30 eventi totali, dove sono state almeno 20 le esondazioni dei fiumi Seveso e Lambro in questi anni. Dall’approfondimento sulla resilienza delle reti elettriche e ferroviarie realizzato in collaborazione con Terna, e-distribuzione, Fs italiane emerge che nel corso del 2021, si sono verificati 14 eventi di danni causati dalla grandine. Dal 2010 a oggi, a causa del maltempo, si sono registrati 83 giorni di stop a metropolitane e treni urbani e 89 giorni di disservizi estesi sulle reti elettriche dovuti al maltempo. IL COSTO DELL’EMERGENZA – Secondo i dati della Protezione Civile, ogni anno – rileva Legambiente – spendiamo 1,55 miliardi in un rapporto di 1 a 5 tra spese per la prevenzione e quelle per riparare i danni. Il Rapporto sottolinea che “si tratta di un quadro complesso, quello del nostro Paese, di rischi e impatti in corso, in cui da decenni si continua a spendere un’enorme quantità di risorse economiche per rincorrere i danni provocati da alluvioni, piogge e frane, a fronte di poche risorse spese per la prevenzione”. Progetti e interventi sono poi dispersi tra gli oltre diecimila individuati dalle Regioni, di cui – afferma Legambiente – “non sono chiare utilità ed urgenza”. Non mancano, tuttavia, gli “esempi virtuosi”. Tra questi figura Torino, che dopo Bologna e Ancona, il 9 novembre 2020 ha approvato il “Piano di Resilienza Climatica”; Padova che lo scorso 14 giugno ha approvato il “Nuovo Piano d’azione per l’energia sostenibile e il clima” (Paesc), diventando la quarta realtà italiana a dotarsi di uno strumento specifico per il clima; Milano che sta mettendo in atto una serie di progetti innovativi nei campi dell’housing sociale, della rigenerazione urbana, della smart city e della prevenzione dai rischi idrogeologici e in prima linea negli investimenti per i tetti verdi. LEGGI TUTTO

  • in

    Cop26 verso la conclusione con molte incognite ancora da risolvere

    (Teleborsa) – Ultima giornata della Cop26 di Glasgow ed ultima opportunità per firmare impegni più risolutivi contro il cambiamento climatico. Il presidente Alok Sharma ha espresso la volontà di chiudere presto, ma tutti si attendono una maratona notturna per il comunicato finale o addirittura un prolungamento dei lavori sino a domenica. . I nodi riguardano la revisione degli impegni per la decarbonizzazione entro il 2022, il mercato globale del carbonio, il Paris Rulebook e la trasparenza dei risultati di decarbonizzazione degli stati. Questi ultimi due punti ancora non definiti.Resta saldo l’obiettivo di contenere al di sotto di 1,5 gradi il riscaldamento globale dai livelli pre-industriali, così come l’impegno a tagliare le emissioni di anidride carbonica del 45% al 2030 ed arrivare a zero emissioni nette di CO2 intorno alla metà del secolo. Resta anche l’impegno a ridurre le emissioni di gas serra che non sono anidride carbonica e l’invito all’aggiornamento urgente degli obiettivi di decarbonizzazione, ma sparisce il termine del 2022 presente nella prima bozza.La seconda bozza di documento finale, pubblicata questa mattina, sollecita inoltre i paesi sviluppati ad “almeno raddoppiare” gli aiuti “per l’adattamento dei paesi in via di sviluppo dal livello corrente al 2025”, ma sparisce il termine del 2023 per l’attivazione del fondo da 100 miliardi a favore dei paesi meno sviluppati. Fra le altre cose, la seconda bozza contiene anche un invito ai governi ad accelerare lo sviluppo delle fonti rinnovabili, attraverso “lo sviluppo, l’installazione e la diffusione di tecnologie e l’adozione di politiche per la transizione energetica”, incluso l’aumento delle fonti di generazione pulite, ad eliminare il carbone ed i sussidi alle fonti fossili. Nella bozza c’è anche una sollecitazione a fornire “un ulteriore sostegno per attività destinate ad affrontare le perdite e i danni associati con gli effetti avversi del cambiamento climatico”- UN fondo “loss & damage” che si aggiunge ai fondi per l’adattamento. Frattanto il rapporto annuale dell’Ipcc, il comitato scientifico sul clima dell’ONU, in uscita ad inizio 2022, che France Press ha anticipato, segnala che serviranno 1.000 miliardi di dollari all’anno da qui al 2050 per i costi di adattamento agli effetti della crisi climatica, con una spesa “considerevolmente più elevata di quello che si stimava precedentemente”. LEGGI TUTTO

  • in

    Obiettivo 2050, la rivoluzione ecologica dei trasporti

    (Teleborsa) – I trasporti svolgono un ruolo essenziale nella società e nell’economia. Da un sistema di trasporti efficiente e accessibile dipende la qualità della nostra vita. L’Agenzia Europea per l’Ambiente (AEA) evidenzia che il settore rappresenta una delle principali fonti di pressioni ambientali nell’UE contribuendo ai cambiamenti climatici, all’inquinamento atmosferico e al rumore. La riduzione di tali effetti negativi rappresenta l’importante obiettivo strategico dell’UE inteso a tracciare un percorso di transizione verso l’azzeramento delle emissioni di gas serra entro il 2050.Quali sono le azioni e le proposte del Mims? Teleborsa lo ha chiesto al Ministro, Enrico Giovannini. “Il Ministero è fortemente impegnato nell’attuazione delle politiche sulla transizione ecologica, in linea con gli impegni assunti a livello europeo e ribaditi nel recente G20 a presidenza italiana: il Green Deal europeo e il pacchetto Fit for 55 vengono calati nella realtà attraverso di versi strumenti – ha affermato Giovannini -. Intanto, per quanto riguarda gli investimenti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza di nostra competenza, il 75,6% dei 62 miliardi vanno a progetti per contrastare la crisi climatica. Tutta la nostra strategia – continua il Ministro – è imperniata sulla cosiddetta “cura del ferro”, cioè lo spostamento sulle ferrovie e il trasporto rapido di massa di passeggeri e merci, in modo da ridurre le emissioni climalteranti e migliorare i servizi alle persone e alle imprese. Vanno in questa direzione gli investimenti sull’alta velocità ferroviaria, sul potenziamento delle reti ferroviarie regionali, sul miglioramento delle interconnessioni ferroviarie con le aree interne e con porti e aeroporti, cui si aggiungono quelli per la riqualificazione dei porti in senso ecologico con l’elettrificazione delle banchine (cold ironing) e molte altre iniziative, anche per la rigenerazione urbana. Ad esempio – aggiunge Giovannini – gli investimenti per l’efficientamento energetico degli edifici pubblici, il rinnovo in senso ecologico dei mezzi per il trasporto pubblico locale, anche marittimo, il potenziamento della mobilità urbana sostenibile, con la costruzione di ciclovie e nuove regole per la mobilità dolce”. Ma “la vera rivoluzione” sta nel modo in cui si progetteranno le opere d’ora in poi. Abbiamo infatti previsto che “il Progetto di Fattibilità Tecnica ed Economica di ogni nuova opera dovrà prevedere, tra l’altro, uno studio di impatto ambientale e una Relazione di Sostenibilità che garantiscano il rispetto degli indirizzi europei e del principio ‘Do no significant harm’. È inoltre al lavoro al Mims una Commissione di studio sull’impatto dei cambiamenti climatici sulle infrastrutture e sui sistemi di trasporto che ci darà indicazioni su come anticipare i rischi aumentando la resilienza e la capacità di adattamento delle opere. Questa è la visione, in estrema sintesi, che guida il Ministero, che non a caso ha cambiato nome”. I trasporti – sottolinea l’AEA – consumano un terzo di tutta l’energia finale, di cui la maggior parte proviene dal petrolio. Ciò significa che sono responsabili delle emissioni di gas a effetto serra e contribuiscono in larga misura ai cambiamenti climatici. Secondo l’UE i progressi raggiunti in tema di riduzione delle emissioni, sono incoraggianti in alcuni settori, come ad esempio l’energia, mentre quelle dei trasporti aumentano. Cosa dovrebbe l’Italia per accelerare la riduzione? L’agenzia Teleborsa lo ha chiesto al Presidente di Assaeroporti, Carlo Borgomeo. “Innanzitutto è utile ricordare che la filiera dell’aviazione e, in particolare gli aeroporti, incidono a livelli relativamente molto bassi sulle emissioni globali di CO2. Secondo i dati diffusi dall’Air Transport Action Group, il comparto oggi ne produrrebbe a livello mondiale circa il 2% e, se guardiamo all’Europa, il 3,4%. Bisogna considerare, inoltre – spiega Borgomeo – che nel nostro Paese il peso del trasporto sulle emissioni complessive di gas serra è stato, nel 2019, pari al 25,2%, di cui il 23,4% riferito al settore stradale, l’1,2% a quello marittimo e solo lo 0,6% al settore aereo. Ecco perché, in attesa di una forte ripresa del comparto, fondamentale per l’economia e per il turismo, il Governo dovrebbe studiare specifiche forme di finanziamento a sostegno dei programmi di investimento delle società di gestione aeroportuale. Tenendo anche conto che gli scali italiani sono da anni protagonisti nella lotta a favore della sostenibilità, ambito nel quale hanno già realizzato importanti ed innovative iniziative, oltre ad implementare un’intensa attività di progettazione”. Alla domanda “cosa potrebbero fare le società che gestiscono gli aeroporti italiani per contribuire a raggiungere gli obiettivi di riduzione di emissioni” Borgomeo risponde: “Come ho appena accennato, gli aeroporti si sono posti da tempo l’obiettivo di conciliare le politiche di sviluppo infrastrutturale con le esigenze di tutela ambientale e sociale del territorio circostante, con gli scali italiani in prima fila a livello europeo. Negli anni, infatti, hanno adottato diverse misure volte a ridurre gli inquinanti atmosferici attraverso la continua ricerca e l’innovazione in termini di efficienza energetica, la produzione e l’utilizzo di risorse rinnovabili e l’attuazione di procedure che mirano all’efficienza operativa. Più di recente, inoltre, hanno posto una forte attenzione allo sviluppo dei SAF, i carburanti sostenibili, e all’impiego dell’idrogeno in ambito aeronautico. Vorrei poi aggiungere – ha continuato il Presidente di Assaeroporti – che, dal 2009, è stato adottato l’Airport Carbon Accreditation quale standard globale per la gestione delle emissioni di CO2 negli aeroporti che prevede 6 livelli di accreditamento e fornisce un quadro comune e una guida per gli scali per mappare, ridurre ed eliminare le emissioni. Ad oggi, gli aeroporti accreditati in Italia sono 14 e rappresentano oltre l’80% del traffico aereo passeggeri registrato nel 2019. Di questi, 7 aeroporti, pari al 57% del traffico passeggeri nazionale, sono “carbon neutral”: un risultato lusinghiero per il nostro Paese”. Gli aeroporti italiani – aggiunge Borgomeo – hanno tra l’altro sottoscritto, a livello comunitario, l’accordo “NetZero2050”, prefiggendosi l’obiettivo di neutralizzare le proprie emissioni di CO2 al più tardi entro il 2050. Questo impegno è stato assunto tramite ACI EUROPE e Assaeroporti ed è stato firmato da 215 scali, di cui 10 italiani: Bergamo Orio al Serio, Bologna, Milano Linate, Milano Malpensa, Napoli, Palermo, Roma Ciampino, Roma Fiumicino, Torino e Venezia”.Decarbonizzare il trasporto su stradaI veicoli elettrici sono in prima linea per decarbonizzare il trasporto su strada da cui deriva circa il 70% delle emissioni di gas serra (Fonte Schroders). Esistono altre opzioni utili, come il gasolio rinnovabile che riduce le emissioni fino al 90% rispetto al gasolio tradizionale, e le celle a combustibile alimentate a idrogeno, particolarmente adatte ai mezzi pesanti come camion e autobus. Fra tutti i principali mezzi di trasporto, quello ferroviario ha la minore impronta di carbonio: appena un ottavo del trasporto aereo e un terzo di quella della mobilità stradale (Fonte Schroders).In Italia, il Gruppo FS da anni progetta sistemi di trasporto pensati per rispondere alla sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Il direttore business regionale di Trenitalia, Sabrina De Filippis ha dichiarato che il Gruppo ha “investimenti totali per 6 miliardi e 600 nuovi treni regionali, di cui il 40% è già in circolazione. Si tratta di convogli costruiti con materiale riciclabile fino al 97% e consumi energetici inferiori del 30%. “La sfida – ha sottolineato – è trasferire le persone dall’auto privata al trasporto collettivo e integrato. Abbiamo un 80% di domanda che va in auto privata da conquistare, se riuscissimo nei prossimi anni a conquistarne il 10% è un risultato importante”.Come si sta muovendo l’UE per tagliare le emissioni del settore dei trasporti? Per ridurre l’inquinamento e, nel quadro del Green Deal europeo, Bruxelles ha proposto l’iniziativa “ambizione inquinamento zero in Europa”, che indica il percorso da seguire per concretizzare la trasformazione: tutti i 27 Stati membri hanno assunto l’impegno di ridurre le emissioni almeno del 55% (rispetto ai livelli del 1990) entro il 2030 e di rendere l’Unione Europea il primo continente a impatto climatico zero, ambiziosamente entro l’anno 2050. La Commissione europea ha proposto di promuovere carburanti sostenibili destinati ai trasporti aerei e marittimi, di modo che quelli inquinanti risultino più costosi per i fornitori. La società finlandese Neste ha sviluppato un carburante sostenibile per il settore aeronautico (Sustainable Aviation Fuel, SAF) che viene ricavato dagli oli esausti e dagli scarti di grasso animale e ittico dell’industria alimentare. Il risultato è un combustibile in grado di abbassare le emissioni di GHG (greenhouse gas, gas serra) fino all’80% rispetto al carburante tradizionale per aerei (Fonte Schroders). A luglio 2021 la Commissione europea ha pubblicato il progetto RefuelEU Aviation, che ambisce all’utilizzo di SAF per una quota minima del 5% entro il 2030, destinata a salire al 63% entro il 2050. Bruxelles ha inoltre proposto di rimuovere l’esenzione delle imposte sul cherosene per gli aerei e di revocare i permessi gratuiti sulle emissioni di gas serra del settore aeronautico europeo entro il 2026.“È evidente che nella transizione green e digitale ogni attore è chiamato a fare la sua parte, ma ritengo che la tassazione, in generale, potrebbe non essere lo strumento più efficace per raggiungere questo ambizioso obiettivo” – afferma a Teleborsa il Presidente di Assaeroporti -. “Come già sottolineato, gli aeroporti e le stesse compagnie aeree sono consapevoli dell’esigenza di rendere il trasporto aereo sempre più sostenibile e hanno già accettato la sfida della decarbonizzazione. L’introduzione di nuove tasse o di meccanismi punitivi – secondo Borgomeo – non può essere considerata un fattore abilitante del cambiamento. Bisognerebbe, piuttosto, individuare e privilegiare forme incentivanti della transizione green con il pieno supporto del Governo”.L’impegno dell’Europa a volare a zero emissioni diventa globale. Durante la 77esima assemblea generale annuale dell’International Air Transport Association (IATA) le compagnie aeree mondiali hanno annunciato che si impegneranno a raggiungere le emissioni zero entro la metà del secolo. Due studi su trasporti e ambiente pubblicati dall’AEA, hanno mostrato che quella ferroviaria può considerarsi a livello europeo la modalità di trasporto motorizzato di passeggeri più rispettosa dell’ambiente, in termini di emissioni di gas a effetto serra e rispetto agli spostamenti in automobile o in aereo.Secondo l’ultima relazione annuale sui trasporti e l’ambiente 2020 – Transport and Environment Report 2020 (TERM), il passaggio a modalità di trasporto più sostenibili può dare un importante contributo al raggiungimento di questo obiettivo. Come parte di una serie di misure climatiche e ambientali prese dai vari Stati membri dell’UE, in Spagna, il Congresso dei Deputati ha approvato la “Ley de Cambio Climático y Transición Energética”, la prima legge che permetterà di raggiungere l’obiettivo di neutralità climatica entro il 2050, con la drastica riduzione delle emissioni di gas serra. La Francia ha imposto il divieto sui voli interni, se esiste un percorso alternativo realizzabile, via treno, in due ore e mezza o meno. “La decisione assunta dalla Francia va necessariamente contestualizzata e non è una soluzione replicabile in Italia per una serie di ragioni e soprattutto per la diversa morfologia dei due Paesi” – spiega il Presidente di Assaeroporti -. “Se si effettua poi un approfondimento sul numero dei passeggeri del mercato italiano, si evince che il trasporto aereo si sviluppa maggiormente su tratte difficilmente sostituibili dal treno AV. Tra l’altro – aggiunge – è assodato che i passeggeri difficilmente sono disposti a effettuare viaggi in treno della durata di 4 o 5 ore. In buona sostanza, secondo noi, la politica per il trasporto aereo non può esaurirsi nella limitazione del traffico, ma deve puntare a favorire investimenti sostenibili e l’intermodalità”.Per il Ministro del Mims Giovannini “la scelta francese è coerente con la strategia europea per la transizione ecologica. Credo che sia un esempio molto concreto di una politica che punta a incentivare gli spostamenti con modalità meno impattanti dal punto di vista ambientale. Noi stiamo riflettendo su una serie di strumenti per incentivare le persone ad utilizzare mezzi di trasporto meno inquinanti, anche se ormai molte persone già preferiscono, per motivi ecologici, usare i treni invece che gli aerei. Stiamo anche seguendo da vicino la sperimentazione di carburanti più puliti nel settore dell’aviazione e degli altri settori, come quello marittimo, per i quali oggigiorno la tecnologia non offre soluzioni del tutto soddisfacenti. L’impegno a sviluppare le reti ferroviarie, soprattutto nel Sud, è una precondizione necessaria per offrire alternative di viaggio meno impattanti dal punto di vista ambientale, ed è in questa direzione che stiamo andando con il Pnrr, ma anche con l’orientamento dei fondi nazionali verso forme di mobilità più sostenibile. D’altra parte – conclude il Ministro – stiamo incoraggiando gli operatori del settore a ragionare concretamente sull’offerta integrata di modalità di trasporto diverse, come quella aerea e ferroviaria. E la stessa cosa vale a livello locale, con i progetti di mobility-as-a-service (Maas) che svilupperemo nell’ambito del Pnrr”.Per un trasporto navale green, la Commissione europea mira a revocare l’esenzione fiscale sui combustibili pesanti e ad eliminare le imposte sui carburanti sostenibili per incoraggiarne la diffusione. L’ICS-International Chamber of Shipping ha presentato all’IMO, autorità di regolamentazione delle Nazioni Unite del settore, i piani con le misure dettagliate urgenti che i governi devono adottare per aiutare l’industria a raggiungere zero emissioni nette di CO2 entro il 2050. A solo un mese dalla conferenza di punta sulla decarbonizzazione COP26, “Shaping the Future of Shipping”, l’ICS (che rappresenta l’80% dell’industria marittima globale) sta spingendo i governi a raddoppiare l’ambizioso attuale obiettivo dell’IMO, che è quello di ridurre le emissioni derivanti dall’industria marittima globale del 50% entro il 2050.”Parlare costa poco mentre è difficile agire. Quindi, la nostra offerta net zero stabilisce il “come” e il “cosa” per la decarbonizzazione del trasporto marittimo entro il 2050 – ha dichiarato Esben Poulsson, presidente ICS -. Stiamo dicendo ai governi che se vogliono davvero raggiungere lo zero netto, devono passare da impegni vuoti ad azioni tangibili. Un’ambizione di zero emissioni nette di carbonio è raggiungibile entro il 2050. Ma solo a condizione che i governi prendano le decisioni poco glamour, ma urgenti e necessarie per gestire questo processo all’interno di un quadro normativo globale”. LEGGI TUTTO

  • in

    COP26, Obama: sul clima lontani da dove dovremmo essere

    (Teleborsa) – Oggi alla COP26 è il turno di Barack Obama. L’ex presidente degli Stati Uniti si trova a Glasgow per tenere una tavola rotonda con una decina di giovani attivisti ambientali di tutto il mondo per discutere di come le giovani generazioni possono far sentire le loro voci e spingere all’azione. “Negli Stati Uniti, alcuni dei nostri progressi sulla lotta al cambiamento climatico si sono fermati quando il mio successore ha deciso di ritirarsi unilateralmente dall’Accordo di Parigi nel suo primo anno di mandato. Non sono stato molto contento di questo”, ha ricordato l’ex presidente nel suo intervento. “Non siamo neanche lontanamente dove dovremmo essere. Per cominciare, nonostante i progressi rappresentati da Parigi, la maggior parte dei Paesi non è riuscita a soddisfare i piani stabiliti sei anni fa”. Obama ha voluto inoltre sottolineare l’allarme lanciato dai piccoli stati isolani, tra i primi ad affrontare il surriscaldamento della Terra. È un po’ come quello un tempo “nelle miniere di carbone dai canarini” per segnalare fughe di gas e sciagure incombenti, ha detto Barack Obama incontrando i delegati di varie isole in un altro evento di cui l’ex presidente americano è stato protagonista oggi alla conferenza sul clima. “Tutti abbiamo un compito da svolgere e sacrifici da fare”, ha aggiunto Obama, che essendo cresciuto alla Hawaii si è definito egli stesso “un island kid”. Le isole “ci stanno mandando un messaggio adesso, che se non agiamo, e non agiamo in modo audace, sarà troppo tardi. Non è qualcosa distante 10 o 20 o 30 anni, è adesso, e dobbiamo agire adesso”, ha ribadito Obama.”Se tutti gli annunci audaci e tutte le promesse che sono state fatte avranno un seguito allora sarà vero progresso”, ha dichiarato l’ex presidente Usa. “Riconosco che stiamo vivendo in un momento in cui la cooperazione internazionale si è atrofizzata, in parte a causa della pandemia, in parte a causa dell’aumento del nazionalismo e degli impulsi tribali in tutto il mondo, in parte a causa della mancanza di leadership da parte dell’America per quattro anni su una serie di questioni multilaterali”, ha aggiunto.(Foto: ANSA) LEGGI TUTTO

  • in

    COP26, oggi è la giornata dei giovani: in piazza Greta con il movimento Fridays for Future

    (Teleborsa) – A Glasgow alla COP26 oggi è la giornata dei giovani. Questa mattina è stato il turno del comitato giovanile dell’Unfccc, Youngo, che ha presentato la sua Dichiarazione per il clima e si è confrontato con leader politici ed esperti. Fuori dal Summit invece lo sciopero per il Clima a Kelvingrove Park di Glasgow guidato dall’attivista svedese Greta Thunberg. Nel pomeriggio, intorno alle 17, ora italiana è previsto invece l’incontro dei ministri dell’Istruzione, al quale parteciperanno anche il ministro italiano, Patrizio Bianchi, e il suo collega della Transizione ecologica, Roberto Cingolani. In particolare, intorno alle 18:30 è attesa la presentazione del documento “Youth 4 Climate Manifesto”, che contiene i risultati della Conferenza Youth4Climate di settembre a Milano, da parte del ministro Cingolani.”Finora abbiamo sentito dire molte parole. Con queste proteste vogliamo mettere pressione a chi è al potere e sappiamo che questo movimento deve crescere per ottenere i cambiamenti di cui abbiamo bisogno per proteggere le persone e le generazioni presenti e future”, ha dichiarato l’attivista ugandese Vanessa Nakate. “Questa non è più una conferenza sul clima. È un festival del greenwashing. Due settimane di celebrazione del business e solo bla bla bla”, ha accusato Greta Thunberg in vista dello sciopero Fridays for Future di oggi. Non marcerà al fianco della giovane attivista, il principe Carlo, noto per il suo contributo alla lotta ai cambiamenti climatici, che ha rifiutato l’invito di Greta. Una partecipazione ”difficile” la sua, ha detto il principe di Galles, aggiungendo di condividere la “frustrazione” delle generazioni più giovani. Intervenendo alla COP26, il principe si è rivolto proprio ai giovani dicendo che il “peso della storia” grava sulle loro spalle. Parlando della ”grande marcia, alla quale secondo alcune persone dovrei unirmi”, il principe Carlo ha detto ai leader mondiali di ”non dimenticare le persone là fuori. Non dimenticare che si tratta del loro futuro”, ascoltate la loro ”rabbia e frustrazione”. Anche per la giornata di domani sono in programma manifestazioni per il clima a Glasgow e in tutto il mondo. LEGGI TUTTO