More stories

  • in

    Germania, inflazione confermata in rallentamento a marzo

    (Teleborsa) – Confermata in rallentamento su base annua l’inflazione in Germania a marzo. Lo reiterano i dati pubblicati dall’ufficio statistico federale Destatis, che avallano i dati di fine mese, che indicavano un incremento del 2,2% su base annua, dopo il +2,5% registrato il mese precedente. Su base mensile si registra un +0,4%, come indicato dalla stima preliminare, ed in linea con il mese di febbraio.Quanto all’inflazione armonizzata, ha registrato un incremento dello 0,6% su mese (come la stima iniziale) e un +2,3% su anno (confermato il dato preliminare). LEGGI TUTTO

  • in

    Giappone, produzione industriale in calo a febbraio

    (Teleborsa) – Confermata in calo la produzione delle fabbriche giapponesi a febbraio. Secondo la stima definitiva del Ministero del Commercio Internazionale e dell’Industria giapponese (METI), l’indice destagionalizzato della produzione industriale è sceso del 3,9%, come previsto nella stima preliminare e atteso dagli analisti. A gennaio si era registrata una discesa del 6,7%. Su base mensile il dato non destagionalizzato della produzione è in calo dello 0,6%. Le consegne registrano una flessione del 4,7% mentre le scorte segnano una discesa dell’1,7%. La ratio scorte/vendite evidenzia una variazione pari a +1,9%. LEGGI TUTTO

  • in

    Appuntamenti macroeconomici del 12 aprile 2024

    (Teleborsa) – Venerdì 12/04/202406:30 Giappone: Produzione industriale, mensile (atteso -0,1%; preced. -6,7%)08:00 Germania: Prezzi consumo, mensile (atteso 0,4%; preced. 0,4%)08:00 Germania: Prezzi consumo, annuale (atteso 2,2%; preced. 2,5%)08:00 Regno Unito: Bilancia commerciale beni (atteso -14,5 Mld £; preced. -14,1 Mld £)08:00 Regno Unito: Produzione industriale, annuale (atteso 0,6%; preced. 0,3%)08:00 Regno Unito: Produzione industriale, mensile (atteso 0%; preced. -0,3%)08:45 Francia: Prezzi consumo, annuale (atteso 2,3%; preced. 3%)08:45 Francia: Prezzi consumo, mensile (atteso 0,2%; preced. 0,9%)09:00 Spagna: Prezzi consumo, annuale (atteso 3,2%; preced. 2,8%)09:00 Spagna: Prezzi consumo, mensile (atteso 0,8%; preced. 0,4%)10:00 Italia: Fatturato industria, mensile (preced. 2,1%)14:30 USA: Prezzi import, mensile (atteso 0,3%; preced. 0,3%)14:30 USA: Prezzi export, mensile (atteso 0,3%; preced. 0,8%)16:00 USA: Fiducia consumatori Università Michigan (atteso 79 punti; preced. 79,4 punti) LEGGI TUTTO

  • in

    Cirielli: “Napoli è la capitale del Mediterraneo”

    (Teleborsa) – “L’Italia nel mondo occidentale rappresenta una grande potenza economica ma soprattutto diplomatica. In quest’ottica, Napoli ha da sempre una forte proiezione internazionale essendo di fatto la capitale del Mediterraneo che le ha consentito negli anni di costruire una classe dirigente dotata di enormi capacità diplomatiche. Il Corpo diplomatico partenopeo costituisce senza alcun dubbio un valore aggiunto per il Paese e per la diplomazia italiana”. Lo ha dichiarato Edmondo Cirielli, Vice Ministro agli Affari esteri e alla Cooperazione Internazionale, nel corso della celebrazione del 50esimo anniversario del Corpo consolare di Napoli, che si è svolto presso la sede dell’ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli, presieduto da Eraldo Turi. Il Corpo Consolare di Napoli, guidato dal segretario generale Mariano Bruno, è stato fondato nel 1974 con 25 Consoli, oggi diventati 70, festeggia l’importante anniversario con un ciclo di incontri e dibattiti in programma fino a novembre 2024. È un corpo intermedio importante perché con la sua attività ha sempre facilitato i rapporti tra i governi e i paesi e la cooperazione tra gli stessi sia in termini economici che culturali, facendo da cerniera tra Consolati e Istituzioni. “È un ruolo fondamentale, spesso non adeguatamente percepito – spiega Bruno – ma molto delicato perché ogni Paese ha naturalmente i propri governi, conflitti, orientamenti politici, commerci internazionali, e sovranità. Per questo il Corpo Consolare di Napoli cerca di rappresentare verso le Istituzioni quelli che sono gli interessi comuni senza però entrare nel merito dei rapporti e della sovranità dei singoli Stati, che resta una questione di diritto internazionale assolutamente scevra da qualsiasi influenza”. Il Corpo Consolare di Napoli ha avuto un’evoluzione importante in termini di presenze: Napoli è infatti la seconda piazza in Italia, dopo Milano, per numero di consolati. “Il capoluogo campano – continua Bruno – è per elezione e logistica una città multiculturale inclusiva in cui sono rappresentate molte etnie e Comunità, con i Consoli chiamati a difendere interessi e prerogative delle proprie comunità”. Durante l’incontro si è discusso, fra l’altro, dell’impatto dell’instabilità politica e degli attuali conflitti internazionali su Europa e Africa. Tra le prossime attività in programma del Corpo Consolare ci sono una importante iniziativa editoriale e un progetto di cucina internazionale al quale hanno già aderito 32 Paesi.”Il Corpo Consolare di Napoli è presidio di pace e legalità – ha sottolineato Turi – così come lo sono le ambasciate e tutta la diplomazia italiana. Un ruolo delicato specie in questi tempi di conflitti bellici che hanno ricadute pesanti sull’economia di tutti i Paesi. La città partenopea può svolgere un ruolo significativo nel promuovere politiche di pacificazione e giustizia affinché si crei terreno fertile per far ripartire l’economia nei mercati internazionali e per consentire alle imprese della nostra regione di ritornare ancora più forti e competitive”.”Abbiamo una straordinaria rappresentanza diplomatica nella nostra regione e – ha detto Vincenzo Moretta, presidente della Fondazione Odcec di Napoli – celebrare questa ricorrenza nella sede dei commercialisti ha un significato particolare dal punto di vista economico perché il ruolo dei consoli non è soltanto quello di assistere i cittadini degli altri Paesi nelle mille difficoltà ma anche quello di intraprendere iniziative che possano sviluppare rapporti commerciali e imprenditoriali per favorire il processo di internazionalizzazione delle nostre aziende”.All’evento, moderato dal giornalista Rai Massimo Calenda, erano presenti, fra gli altri, gli Ambasciatori in Italia della Polonia Anna Maria Anders e della Romania Gabriela Dancau, il prefetto di Napoli Michele di Bari, il Presidente della Corte di Appello Eugenio Forgillo, il Comandante Interregionale della Guardia di Finanza Generale Vito Augelli, il Presidente del Tribunale dei Minori Paola Brunese, il Presidente dell’Autorità Portuale Andrea Annunziata, il Presidente Emerito della Corte dei Conti Marchese Arturo Martucci, il Vice Presidente della Camera di Commercio di Napoli Fabrizio Luongo, il Vice Presidente dell’Unione Industriali di Napoli Carlo Palmieri, il Vice Comandante dei Carabinieri Campania Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, l’Ammiraglio di Squadra della Marina Militare Salvatore Vitiello e numerosi Consoli ed autorità civili e militari. LEGGI TUTTO

  • in

    Costco Wholesale: vendite in aumento a marzo, titolo festeggia

    (Teleborsa) – Si muove in avanti Costco Wholesale che sta portando a casa un modesto +1,35%.Il colosso dei grandi magazzini ha registrato vendite nette in aumento del 9,4%, a marzo, a 23,48 miliardi di dollari. A perimetro costante le vendite sono salite del 7,7% annuo. Nelle 31 settimane allo scorso 7 aprile le vendite sono aumentate del 6,4% annuo a 146,64 miliardi di dollari (5,2% a perimetro costante e 5,3% al netto di valute e costo dei carburanti). Il confronto del titolo con l’S&P 100, su base settimanale, mostra la maggiore forza relativa del gestore di una serie di catene di ipermercati rispetto all’indice, evidenziando la concreta appetibilità del titolo da parte dei compratori.Lo status tecnico di medio periodo di Costco Wholesale rimane negativo. Nel breve periodo, invece, evidenziamo un miglioramento della forza rialzista, con la curva che incontra la prima area di resistenza a 735,5 USD, mentre i supporti sono stimati a 726,7. Le implicazioni tecniche propendono a favore di un nuovo spunto rialzista con target stimato verosimilmente in area 744,4. LEGGI TUTTO

  • in

    OPA UnipolSai, adesioni al’11/04/2024

    (Teleborsa) – Nell’ambito dell’offerta pubblica di acquisto (OPA) sulle azioni UnipolSai, risulta che oggi, 11 aprile 2024, sono state presentate 3.141.938 richieste di adesione.Pertanto, complessivamente le richieste di adesione sono a quota 9.488.351, pari a circa il 2,27% dell’offerta.L’offerta è iniziata l’8 aprile 2024 e, terminerà il 26 aprile 2024.Borsa Italiana ricorda che le azioni ordinarie Unipolsai acquistate sul mercato nei giorni 25 e 26 aprile 2024 non potranno essere apportate in adesione all’offerta. LEGGI TUTTO

  • in

    OPA Tod’s, adesioni oltre il 38,4%

    (Teleborsa) – Nell’ambito dell’offerta pubblica di acquisto (OPA) volontaria totalitaria sulle azioni Tod’s, maison italiana del lusso quotata su Euronext Milan, risulta che oggi, 11 aprile 2024, sono state presentate 4.411 richieste di adesione. Pertanto, complessivamente le richieste di adesione sono a quota 3.554.410, pari al 38,4% dell’offerta.L’offerta è iniziata il 25 marzo 2024 e terminerà l’8 maggio 2024.Borsa Italiana ricorda che le azioni ordinarie Tod’s acquistate sul mercato nei giorni 7 e 8 maggio 2024 non potranno essere apportate in adesione all’offerta.(Foto: ©TEA/123RF) LEGGI TUTTO

  • in

    Sostenibilità, Parlamento Ue adotta nuova legge per ridurre emissioni del settore energetico

    (Teleborsa) – “Il voto del Parlamento europeo rappresenta l’ultimo decisivo passo verso l’adozione di una legge fondamentale per la riduzione delle emissioni di metano nel settore energetico”. È quanto ha dichiarato Flavia Sollazzo, senior director EU Energy Transition di Environmental Defense Fund Europe, commentando l’approvazione da parte del Parlamento UE della prima regolamentazione europea in materia di emissioni di metano. “In qualità di maggiore importatore di gas naturale al mondo, l’UE – ha proseguito Sollazzo – può svolgere un ruolo fondamentale nella riduzione delle emissioni di metano e, così facendo, ridurre anche il riscaldamento globale e raggiungere gli obiettivi climatici. Il regolamento fisserà nuovi e severi limiti alle emissioni prodotte dalle attività legate ai combustibili fossili nei 27 Stati membri indicando anche standard rigorosi alle importazioni energetiche. L’approvazione da parte del Parlamento è un segnale forte ma il lavoro non finisce qui. Dopo il via libera del Consiglio dell’UE, la fase di attuazione sarà fondamentale per garantire che la legislazione sia efficace nel guidare l’azione per la riduzione del metano”.Il metano è un potente gas a effetto serra identificato come il secondo maggior responsabile del riscaldamento globale, con un potenziale climalterante più di 80 volte superiore a quello dell’anidride carbonica nei primi 20 anni dalla sua immissione nell’atmosfera.??Insieme a numerosi partner tra cui Google, Space X e Harvard University, Environmental Defense Fund ha sviluppato un satellite rivoluzionario in grado di tracciare le emissioni di metano provenienti dal settore energetico in tutto il mondo. Si chiama MethaneSAT ed è stato lanciato in orbita lo scorso marzo.(Foto: © European Union 2019 – Source : EP) LEGGI TUTTO