More stories

  • in

    Sport e solidarietà: conclusa la XSPORT Challenge per Dynamo Camp

    (Teleborsa) – Si è conclusa la XSPORT Challenge, l’iniziativa benefica che coinvolge un team di atleti nazionali capitanati dal campione olimpico Jury Chechi e dal ciclista Massimiliano Lelli, che si sono messi in gioco per gareggiare in competizioni ciclistiche in tutta Italia a sostegno della Onlus Dynamo Camp che offre gratuitamente programmi ricreativi a bambini e adolescenti affetti da malattie gravi o croniche coinvolgendo anche le loro famiglie. L’iniziativa XSPORT Challenge, con l’hashtag #xsportchallenge, è stata realizzata grazie al contributo di Pharmaguida, azienda farmaceutica italiana che da circa 20 anni opera nel settore della salute. Un percorso a tappe, quello della XSPORT Challenge, che ha visto la partecipazione degli atleti in diverse competizioni ciclistiche lungo tutta la penisola (GiroSardegna, Granfondo di San Benedetto del Tronto, Green Fondo Paolo Bettini di Pomarance, Granfondo del Gallo Nero). Tappa finale della sfida è stata la Ganten Monza 12H Cycling Marathon del circuito FollowYourPassion, giunta quest’anno alla sua settima edizione. In uno degli autodromi più iconici al mondo, quello di Monza, le auto di Formula 1 hanno ceduto il passo agli eroi del cycling con una prova di endurance suggestiva e unica nel suo genere: una maratona di 12 ore no stop.In occasione della gara, Jury Chechi, il “Signore degli anelli”, testimonial per Pharmaguida dei prodotti della linea Xsport, ha concluso la Challenge consegnando ai responsabili della Onlus Dynamo Camp un assegno di 10mila euro, raccolti per sostenere le attività di terapia ricreativa rivolte ai bambini e ai ragazzi dai 6 ai 17 anni.”Un ringraziamento a Pharmaguida che è al fianco di Dynamo Camp con progetti di valore sportivo e un supporto concreto, che va a diretto beneficio dei bambini con gravi patologie ospiti di Dynamo in Toscana o sul territorio italiano, attraverso i Dynamo Programs e Dynamo City Camp, ha spiegato Serena Porcari, ceo Dynamo Camp. Dynamo Camp organizza attività per i bambini e le loro famiglie, con i Dynamo Programs, presso le strutture ospedaliere, associazioni di patologia e case famiglia nelle principali città italiane. I programmi sono strutturati secondo il modello della Terapia Ricreativa Dynamo, che propone momenti di svago e di divertimento, ma ha soprattutto il fine di stimolare le capacità dei bambini rafforzando, al contempo, la fiducia in loro stessi.”Siamo onorati – ha commentato Nicola Guida, founder di Pharmaguida – di aver supportato Dynamo Camp, in quanto il diritto alla felicità non deve essere mai negato, soprattutto ai bambini. Attraverso lo sport, infatti, abbiamo trovato un modo diretto e divertente per regalare un sorriso a tutti i bambini seguiti da Dynamo e alle loro famiglie”. LEGGI TUTTO

  • in

    Formula 1, Standard Ethics: scuderie accelerino su sostenibilità, benefici per filiere

    (Teleborsa) – Il mondo Formula 1 ha avviato il suo percorso verso la sostenibilità, con la società che gestisce il Campionato del mondo che ha annunciato la volontà di raggiungere zero emissioni di carbonio entro il 2030 e di sviluppare un carburante sostenibile al 100% a partire dal 2026, ma le dieci scuderie hanno ancora molta strada da fare. Lo afferma un report di Standard Ethics, agenzia di rating indipendente con sede a Londra e focalizzata sulla sostenibilità.Se da un lato appare già alta l’attenzione rivolta a temi cruciali come i diritti umani, sia all’interno delle scuderie sia nelle rispettive catene di fornitura, dall’altro emergono comunque margini di miglioramento. Ad esempio: innalzando la trasparenza e la fruibilità dei documenti aziendali sui propri siti web; predisponendo e pubblicando strumenti di governance (come il Codice Etico) che siano aderenti alle linee guida internazionali; fissando e rendendo noti specifici obiettivi ESG condivisi dai principali organismi sovranazionali (Onu, Ocse e Ue); dotandosi di una rendicontazione extra-finanziaria in linea con gli standard globali.Secondo Standard Ethics, un’accelerazione nella divulgazione di documenti chiave come i rapporti ESG e gli obiettivi ambientali sarebbe positiva soprattutto perché le squadre che attualmente partecipano al Campionato del mondo di Formula 1 sono rinomate per la loro eccellenza industriale, tecnologica e di ricerca. Per questo motivo, e per la loro visibilità, la loro forza trainante potrebbe essere un esempio per guidare le filiere industriali, come quelle dell’automotive e dei componenti.Tra le dieci scuderie di F1, solo tre squadre (30%) hanno un Codice Etico. Gli analisti hanno notato che la Scuderia Ferrari ha un Codice Etico con riferimenti internazionali, ovvero la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani delle Nazioni Unite e le Convenzioni ILO e OCSE.Per quanto riguarda la rendicontazione ESG, cinque delle scuderie di F1 (50%) hanno un rapporto non finanziario sulla sostenibilità o sulla responsabilità sociale d’impresa (CSR). Gli analisti sottolineano che tre squadre (Scuderia Ferrari, McLaren F1 Team e Aston Martin F1 Team) offrono il reporting di sostenibilità, che si basa su criteri internazionali e standardizzati citando il Global Reporting Initiative (GRI). Gli analisti hanno inoltre valutato la Strategia di Sostenibilità adottata da Williams Racing e il Rapporto CSR di Mercedes-AMG.Sei squadre hanno chiari obiettivi ambientali mentre le restanti squadre ne sono ancora prive. Gli analisti “ritengono che gli obiettivi ambientali siano un aspetto cruciale per il raggiungimento della Sostenibilità, considerando l’enorme sforzo del Gruppo Formula Uno per essere a emissioni nette di carbonio zero entro il 2030”, si legge nel rapporto.Quattro squadre hanno il rapporto sul divario retributivo di genere, un documento che misura la differenza nella retribuzione media oraria di uomini e donne. Secondo Standard Ethics, i team devono impegnarsi a ridurre il divario retributivo di genere perché una forza lavoro eterogenea e una forte cultura inclusiva potrebbero aumentare un livello di prestazioni più elevato. Solo una squadra ha una Whistleblower Policy.(Foto: Photo by Hanson Lu on Unsplash) LEGGI TUTTO

  • in

    ITA Airways, l'Airbus A350 livrea azzurra sorvolerà il Gran Premio d'Italia insieme alle Frecce Tricolore

    (Teleborsa) – Il nuovo Airbus A350 livrea azzurra di ITA Airways dedicato a Enzo Ferrari farà il suo primo volo a Monza al Gran Premio d’Italia il prossimo 11 settembre, quando farà da apripista alle Frecce Tricolore in occasione della partenza e in concomitanza con l’inno nazionale.È la prima volta in assoluto – sottolinea ITA Airways in una nota – che “il Drake” fondatore della scuderia più titolata nella storia della Formula 1, con 31 titoli mondiali (16 Costruttori, 15 Piloti), ha un aereo con il suo nome ed è la prima volta che la Compagnia di Bandiera è presente al Gran Premio d’Italia, nonché un’occasione unica durante la quale le Frecce Tricolore si esibiranno insieme ad un aereo di linea. Il nome Enzo Ferrari sarà scritto su sfondo rosso. L’Airbus A350 di ITA Airways dedicato ad Enzo Ferrari in occasione del Gran Premio d’Italia, si unisce agli altri tre aerei che la Compagnia ha dedicato ad illustri piloti che hanno scritto la storia dell’automobilismo italiano, ovvero l’A330 intitolato a Tazio Nuvolari, e due Airbus A319 che portano il nome di Alberto Ascari e Michele Alboreto. Tutti e quattro gli aerei con nuova livrea azzurra della flotta ITA Airways vestono il Logo delle Celebrazioni dell’Autodromo.”La partnership tra il circuito di Monza, il Gran Premio d’Italia e la Compagnia di Bandiera è un fatto naturale – ha dichiarato Alfredo Altavilla, presidente esecutivo di ITA Airways –. A maggior ragione per il centenario del circuito che, come ITA Airways, è ambasciatore nel mondo del nostro Paese. È la prima volta che la Compagnia di Bandiera è presente al Gran Premio d’Italia e oggi, rafforziamo il connubio tra ITA Airways e lo sport. Dopo gli aerei intitolati a diversi sportivi, ecco quelli dedicati a quattro figure che hanno scritto la storia dell’automobilismo italiano, con l’esclusivo aereo intitolato ad Enzo Ferrari che farà il suo primo volo nel momento clou del Gran Premio sfrecciando in alto dopo l’inno nazionale”.”Con imprese sportive straordinarie, che sono entrate nel mito – ha dichiarato Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’Automobile Club d’Italia, la Federazione Italiana dello Sport Automobilistico –. Nuvolari, Ascari, Alboreto e, naturalmente, Ferrari, hanno fatto volare e incontrare generazioni di appassionati e tifosi del motorsport di ogni parte del mondo. Ed è proprio questo gemellaggio ideale tra emozioni, quelle dell’automobilismo sportivo e quelle del volo, unitamente alla condivisione di valori fondamentali, comuni allo sport e all’aviazione – massima professionalità, forte competitività, continua innovazione tecnologica, grande attenzione al futuro sostenibile – l’idea alla base di questa importante partnership tra ACI e ITA Airways. Questa domenica – ha concluso Sticchi Damiani – il mito Ferrari volerà sul Circuito Nazionale di Monza per il suo esordio, l’augurio di un futuro sempre più luminoso e fortunato per tutti noi”. LEGGI TUTTO

  • in

    Mooney, si rafforza partnership con VR46 Racing Team

    (Teleborsa) – Nata a dicembre 2021 nel segno di valori comuni quali eccellenza, innovazione, talento, italianità, la collaborazione tra Mooney e VR46 Racing Team si rafforza e si sviluppa con progetti sempre innovativi come “Aeroprism” che ha visto le moto e i piloti del team correre nel weekend scorso il Gran Premio a Misano con livree speciali delle carene e delle tute realizzate dall’artista digitale canadese “Mad Dog Jones”. Per la prima volta nel mondo delle due ruote – spiega Mooney in una nota – un artista ha realizzato un’opera d’arte da portare in pista durante una gara. Realizzata anche una carta brandizzata VR46, progetto che ha permesso a Mooney, di rafforzare la propria posizione nel settore delle carte co-brandizzate. “Uno strumento che – si legge nella nota – accompagna un numero ancora più ampio di cittadini verso l’utilizzo di strumenti di pagamento alternativi al contante, grazie a caratteristiche tecniche all’avanguardia ed un’ampia gamma di servizi e di opportunità su misura. La carta si è inoltre rivelata un vero e proprio canale di comunicazione con i cittadini e la vasta community VR46″.La partnership rappresenta un elemento importante nell’ambito di un percorso di innovazione continua, non solo in termini di prodotti e servizi offerti ma anche di marketing e comunicazione, i cui risultati sono testimoniati dall’interesse di due eccellenze italiane come Enel e Intesa Sanpaolo, nuovi azionisti dell’azienda.”A distanza di nove mesi dall’avvio della nostra partnership siamo estremamente soddisfatti dei risultati ottenuti e vogliamo rafforzare questa collaborazione che ci sta dando grandi soddisfazioni e consente a Mooney di crescere in termini di visibilità, di target raggiunto e di servizi offerti alla clientela – ha affermato Salvatore Borgese, general manager commercial & banking services di Mooney –. Quella tra Mooney e VR46 Racing Team rappresenta un’unione di successo tra due eccellenze italiane accomunate dalla volontà di andare oltre gli schemi nei rispettivi settori introducendo elementi innovativi in grado di apportare valore ai propri stakeholder”.”Un weekend ricco di emozioni a Misano Adriatico per tutto il Team e la famiglia Mooney che – ha aggiunto Alessio Salucci, team director –ci ha tenuto compagnia lungo tutto il fine settimana proprio a pochi chilometri da Tavullia. Tanti eventi, dalla presentazione della livrea speciale al Ranch in collaborazione con Mad Dog Jones e VR46 Metaverse, fino alla gara di domenica per suggellare una partnership solida che ci sta regalando risultati e soddisfazioni. Una sinergia che ha portato prima alla nascita di questo nuovo progetto, poi la carta VR46 e che speriamo ci porterà a raggiungere obiettivi ancora più ambiziosi”. LEGGI TUTTO

  • in

    Fair-Play finanziario, arrivano le multe per Milan, Juve, Inter e Roma

    (Teleborsa) – La Prima Sezione dell’Organo di Controllo Finanziario dei Club (CFCB), presieduta da Sunil Gulati, ha annunciato una serie di decisioni riguardanti i club che hanno partecipato alle competizioni UEFA 2021/22.La Prima Sezione del CFCB ha riscontrato che AC Milan (ITA), AS Monaco (FRA), AS Roma (ITA), Besiktas JK (TUR), FC Internazionale Milano (ITA), Juventus (ITA), Olympique de Marseille (FRA) e Paris Saint-Germain (FRA) non hanno rispettato il requisito di pareggio di bilancio.L’analisi ha riguardato gli esercizi 2018, 2019, 2020, 2021 e 2022. Gli esercizi 2020 e 2021 sono stati oggetto delle misure di emergenza Covid, volte a neutralizzare gli effetti negativi della pandemia. In base a queste misure, gli esercizi finanziari 2020 e 2021 sono stati valutati come un unico periodo; inoltre, ai club sono stati concessi aggiustamenti specifici per il covid-19 e per calcolare la media del deficit combinato del 2020 e del 2021. Gli otto club hanno accettato di versare un contributo finanziario di 172 milioni di euro. Tali importi saranno trattenuti da eventuali entrate che i club guadagneranno dalla partecipazione alle competizioni UEFA o pagati direttamente. Di tale importo, 26 milioni di euro (15%) saranno corrisposti interamente, mentre il saldo residuo di 146 milioni di euro (85%) è condizionato al rispetto degli obiettivi indicati nel rispettivo settlement agreement.Per quanto riguarda i club italiani, il Milan dovrà pagare 2 milioni (15 se non rientrerà nei 3 anni), la Juventus 3,5 (23 se non dovesse rientrare nel prossimo triennio), l’Inter 4 (26 se non rientrerà in 4 anni), la Roma 5 (35 in caso di mancato rientro nei prossimi 4 anni). LEGGI TUTTO

  • in

    Audi entrerà in Formula 1 dal 2026

    (Teleborsa) – La casa automobilistica tedesca Audi ha annunciato che entrerà in Formula 1 nel 2026. Si unirà alla classe regina del motorsport con un propulsore appositamente sviluppato e il progetto avrà sede presso lo stabilimento Audi Sport di Neuburg, vicino alla storica sede di Ingolstadt. Questa è la prima volta in oltre un decennio che un propulsore di Formula 1 sarà costruito in Germania, ha sottolineato la società durante una conferenza stampa al Gran Premio del Belgio di Spa-Francorchamps.Audi annuncerà una decisione su quale squadra schiererà nel 2026 entro la fine di quest’anno. Secondo indiscrezioni pubblicate dalla stampa specializzata, la casa automobilistica tedesca è stata in trattative con il gruppo svizzero Sauber, la cui squadra gareggia sotto il nome Alfa Romeo.”Gli sport motoristici sono parte integrante del DNA di Audi – ha spiegato il Chairman Markus Duesmann – La Formula 1 è sia un palcoscenico globale per il nostro marchio che un laboratorio di sviluppo altamente impegnativo. La combinazione di alte prestazioni e concorrenza è sempre un motore di innovazione e trasferimento tecnologico nel nostro settore. Con le nuove regole, ora è il momento giusto per metterci in gioco. Dopotutto, sia la Formula 1 che l’Audi perseguono chiari obiettivi di sostenibilità”.La Formula 1 avrà infatti una nuova unità di potenza dal 2026 con l’obiettivo di maggiore sostenibilità e un futuro più efficiente in termini di costi, con l’obiettivo di essere a emissioni zero entro il 2030. LEGGI TUTTO

  • in

    Mondiali di calcio, venduti 2,45 milioni di biglietti a tre mesi dall'inizio

    (Teleborsa) – A meno di 100 giorni dall’inizio dei Mondiali di calcio, sono stati venduti un totale di 2,45 milioni di biglietti, rispetto a una capacità totale di circa 3 milioni di biglietti. Lo ha comunicato la FIFA alla fine del periodo di vendita iniziato il 5 luglio e terminato il 16 agosto, nel quale sono stati venduti un totale di 520.532 biglietti.Il maggior numero di biglietti assegnati riguardava partite della fase a gironi come Camerun vs. Brasile, Brasile vs. Serbia, Portogallo vs. Uruguay, Costa Rica vs. Germania e Australia vs. Danimarca. I fan che vivono in Qatar, Arabia Saudita, Stati Uniti, Messico, Emirati Arabi Uniti, Inghilterra, Argentina, Brasile, Galles e Australia sono state quelli che si sono assicurati il maggior numero di biglietti.La Coppa del Mondo FIFA Qatar 2022 sarà la prima edizione della competizione che andrà in scena nel Medio Oriente e si svolgerà dal 20 novembre al 18 dicembre. La finale si giocherà allo stadio Lusail da 80.000 posti. La decisioni di giocare in questa location non è stata priva di critiche. Fin dal 2010, quando il Qatar si è assicurato i diritti per ospitare la competizione, gli addetti ai lavori hanno espresso preoccupazioni per le alte temperature, la mancanza di infrastrutture e per il fatto che il Mondiale sarebbe stato in mezzo alla tradizionali stagione calcistica europea.A fine settembre verranno comunicati i dettagli e il periodo di apertura della fase di vendita dell’ultimo minuto, ha sottolineato oggi la FIFA. Canada, Messico e Stati Uniti ospiteranno il torneo 2026. LEGGI TUTTO

  • in

    Manchester United, famiglia Glazer valuta cessione quota minoranza

    (Teleborsa) – La famiglia statunitense Glazer starebbe valutando la possibilità di vendere una quota di minoranza del Manchester United, secondo quanto hanno riferito persone a conoscenza della questione a Bloomberg. I proprietari avrebbero discusso, in via preliminare e senza che sia stata presa una decisione in merito, della possibilità di coinvolgere un nuovo investitore.L’indiscrezione arriva poche ore dopo che l’acquisto del Manchester United è stato oggetto di un tweet di Elon Musk, che dopo aver affermato di volersi comprare la squadra ha ritrattato, derubricando il tutto a uno scherzo. Le potenziali trattative non contemplerebbero la cessione del controllo del club inglese, anche se va avanti da anni un duro scontro tra la proprietà e i tifosi. Il defunto Malcolm Glazer ha acquistato il Manchester United con un leveraged buyout nel 2005, gravando il club di enormi debiti e attirando fin da subito la sfiducia dei sostenitori più accaniti.La squadra potrebbe essere valutata circa 5 miliardi di sterline, secondo quanto riferito dalle persone a conoscenza delle discussioni.Ottima la performance di Manchester Utd Plc New, che si attesta a 13,44 dollari sulla Borsa di New York, con un aumento del 5,16%. A livello operativo si prevede un proseguimento della seduta all’insegna del toro con resistenza vista a quota 13,84 e successiva a 14,74. Supporto a 12,94. LEGGI TUTTO