More stories

  • in

    Appuntamenti macroeconomici del 5 luglio 2022

    (Teleborsa) – Martedì 05/07/202202:45 Cina: PMI servizi Caixin (atteso 49,7 punti; preced. 41,4 punti)08:45 Francia: Produzione industriale, mensile (atteso 0,2%; preced. -0,1%)10:00 Unione Europea: PMI servizi (atteso 52,8 punti; preced. 56,1 punti)10:00 Unione Europea: PMI composito (atteso 51,9 punti; preced. 54,8 punti)16:00 USA: Ordini industria, mensile (atteso 0,5%; preced. 0,3%) LEGGI TUTTO

  • in

    Cina, forte aumento dell'attività dei servizi con l'allentamento delle restrizioni

    (Teleborsa) – Migliora sensibilmente il settore dei servizi in Cina, poiché la situazione interna del Covid-19 è in miglioramento e le misure di contenimento sono state allentate. Il PMI dei servizi elaborato da Caixin/Markit è aumentato a quota 54,5 punti a giugno dai 41,4 precedenti. Il valore è sopra la soglia chiave dei 50 punti, che segnala una espansione dell’attività, e le previsioni degli analisti, che si aspettavano una lettura di 49,7 punti.La ripresa ha posto fine a un periodo di tre mesi di calo della produzione, con il tasso di espansione più rapido registrato da luglio 2021. Il ritorno a condizioni commerciali più normali e un numero più elevato di clienti hanno anche determinato un rinnovato aumento della nuova produzione complessiva a giugno.”L’offerta e la domanda nel settore dei servizi sono aumentate. Con l’allentamento delle restrizioni Covid, le operazioni dei servizi sono tornate alla normalità – ha commentato Wang Zhe, Senior Economist at Caixin Insight Group – Sia il PMI dei servizi che l’indicatore dei nuovi affari sono tornati in territorio positivo a giugno, con l’offerta in miglioramento più della domanda. La misura per i nuovi ordini all’esportazione è rimasta in territorio di contrazione per il sesto mese consecutivo, ma è salita vicino a 50. Ciò mostra che la domanda estera si è gradualmente stabilizzata, sebbene gli effetti legati alla pandemia siano rimasti”.”L’occupazione nei servizi si è contratta – ha aggiunto – La ripresa dell’offerta e della domanda non si è riversata sulla contrazione del mercato del lavoro, con le aziende ancora caute sull’espansione delle assunzioni mentre cercavano di contenere i costi. L’indicatore dell’occupazione è rimasto in territorio negativo per il sesto mese consecutivo. Gli arretrati di lavoro sono cresciuti”. LEGGI TUTTO

  • in

    Germania, bilancia commerciale maggio chiude in deficit

    (Teleborsa) – E’ peggio delle attese l’andamento del commercio estero tedesco a maggio. La bilancia commerciale chiude con un deficit corretto dagli effetti del calendario pari a 1 miliardo di euro rispetto al surplus di 3 miliardi di euro di aprile (dato rivisto da 3,5 miliardi). Le stime gli analisti erano per un avanzo in calo a 2,7 miliardi.Secondo i dati pubblicati dall’Ufficio Federale di Statistica (Destatis), le esportazioni sono scese dello 0,5% su base mensile, rispetto al +4,4% registrato ad aprile ed al +0,9% atteso dal mercato. Le importazioni hanno registrato una crescita del 2,7% dopo il +3,5% del mese precedente e rispetto al +0,9% del consensus. LEGGI TUTTO

  • in

    USA, ISM manifatturiero giugno scende a 53 punti

    (Teleborsa) – L’attività manifatturiera americana si è indebolita a giugno 2022. Lo indica l’ISM – Insitute for Supply Management sulla base del consueto sondaggio mensile. L’indice dei direttori di acquisto del settore manifatturiero si è attestato a 53 punti dai 56,1 di maggio. Il dato risulta anche inferiore alle attese degli analisti che stimavano un calo a 54,9 punti. L’indicatore, che viene usato per valutare lo stato di salute del settore manifatturiero statunitense, resta oltre la soglia chiave di 50, che fa da spartiacque tra espansione e contrazione dell’attività. L’espansione è confermata per il 25° mese consecutivo, dopo la contrazione di aprile e maggio 2020. Tuttavia, quella di giugno 2022 è la lettura più bassa da giugno 2020, quando aveva registrato il 52,4.Fra le varie componenti dell’indice, quella sui nuovi ordini scende a 49,2 punti da 55,1, mentre quella sull’occupazione cala a 47,3 da 49,6 e la componente relativa ai prezzi diminuisce a 78,5 da 82,2.“Il settore manifatturiero statunitense continua a essere alimentato, anche se meno a giugno, dalla domanda, mentre è trattenuto dai vincoli della catena di approvvigionamento – ha commentato Timothy Fiore, Chair dell’Institute for Supply Management – Nonostante la contrazione dell’indice di occupazione a maggio e giugno, le aziende hanno migliorato i loro progressi nell’affrontare la carenza di manodopera. L’espansione dei prezzi è leggermente rallentata per il terzo mese consecutivo a giugno, ma l’instabilità nei mercati energetici globali continua”. LEGGI TUTTO

  • in

    USA, spese costruzioni maggio -0,1% m/m +9,7% a/a

    (Teleborsa) – Diminuisce la spesa per costruzioni negli Stati Uniti a maggio 2022. Il dato, comunicato dal Dipartimento del Commercio americano, si attesta a 1.779,8 miliardi di dollari registrando una diminuzione dello 0,1% su base mensile, dopo il +0,8% di aprile (rivisto da un preliminare +0,2%) e contro il +0,4% stimato dagli analisti. Su base annua si è visto invece un incremento del 9,7%.Tra le costruzioni private, le cui spese sono salite dello 0% a 1.436 miliardi di dollari, quelle di tipo residenziale sono aumentate dello 0,2% a 938 miliardi di dollari. La spesa in ambito pubblico ha segnato un decremento dello 0,8% a 343,8 miliardi di dollari. LEGGI TUTTO

  • in

    USA, PMI manifatturiero giugno scende a 52,7 punti su moderazione domanda

    (Teleborsa) – Frena l’attività manifatturiera degli Stati Uniti a giugno 2022, secondo l’indice elaborato da Markit-S&P Global, che conferma una fase di crescita anche se meno marcata della precedente. Nel sesto mese dell’anno, l’indice PMI manifatturiero si è portato a 52,7 punti dai 57 del mese precedente, risultando leggermente superiore ai 52,4 della stima preliminare e del consensus. L’indice pero si conferma sopra la soglia chiave di 50, che denota espansione dell’attività.L’indice PMI è sceso al livello più basso da luglio 2020 in mezzo a una quasi stagnazione della produzione industriale e al calo dei nuovi ordini. Il calo delle vendite è stato il primo da maggio 2020, con un calo della domanda dei clienti nazionali ed esteri.”Gli indicatori previsionali come le aspettative delle imprese, l’afflusso di nuovi ordini, gli arretrati di lavoro e l’acquisto di fattori produttivi sono tutti notevolmente peggiorati, indicando un aumento del rischio di una recessione industriale”, ha commentato Chris Williamson, Chief Business Economist di S&P Global Market Intelligence.”La crescita della domanda delle famiglie si sta raffreddando nel mezzo della crisi del costo della vita e anche la spesa in conto capitale delle aziende sta mostrando segni di moderazione a causa dell’inasprimento delle condizioni finanziarie e delle prospettive più cupe – ha aggiunto – Tuttavia, il più marcato è stato un forte calo degli ordini di input da parte dei produttori, che suggerisce una correzione delle scorte”. LEGGI TUTTO

  • in

    Giappone, Tankan: peggiora sentiment imprese nel 2° trimestre

    (Teleborsa) – Sentiment in calo per le imprese giapponesi. E’ quanto emerge da sondaggio trimestrale dalla bank of Japan.Nel 2° trimestre, l’indice Tankan relativo alle grandi imprese della manifattura è sceso infatti a 9 punti da 14 punti e risulta anche inferiore alle attese degli analisti (13 punti).Quello delle medie imprese non manifatturiere si è portato a 0 punti da 3 contro i -3 punti attesi, mentre quello delle piccole imprese manifatturiere è stabile a -4 (atteso -5) e delle PMI non manifatturiere a 13 da 9 (atteso 7). Da rilevare che un valore inferiore allo zero segnala che le imprese pessimiste sono più numerose di quelle ottimiste. LEGGI TUTTO

  • in

    Appuntamenti macroeconomici dell'1 luglio 2022

    (Teleborsa) – Venerdì 01/07/202201:30 Giappone: Tasso disoccupazione (atteso 2,5%; preced. 2,5%)01:50 Giappone: Indice Tankan, trimestrale (atteso 13 punti; preced. 14 punti)02:30 Giappone: PMI manifatturiero (atteso 52,7 punti; preced. 53,3 punti)10:00 Unione Europea: PMI manifatturiero (atteso 52 punti; preced. 54,6 punti)10:30 Regno Unito: Crediti consumo, mensile (atteso 1,3 Mld £; preced. 1,4 Mld £)10:30 Regno Unito: M4, mensile (preced. 0%)11:00 Unione Europea: Prezzi consumo, annuale (atteso 8,4%; preced. 8,1%)11:00 Unione Europea: Prezzi consumo, mensile (preced. 0,8%)11:00 Italia: Prezzi consumo, annuale (atteso 7,4%; preced. 6,8%)11:00 Italia: Prezzi consumo, mensile (atteso 0,6%; preced. 0,8%)15:45 USA: PMI manifatturiero (preced. 57 punti)16:00 USA: Spese costruzioni, mensile (atteso 0,4%; preced. 0,2%)16:00 USA: ISM manifatturiero (atteso 54,9 punti; preced. 56,1 punti) LEGGI TUTTO