More stories

  • in

    Giappone, leading indicator migliora per quarto mese consecutivo

    (Teleborsa) – Migliorano per il quarto mese consecutivo le condizioni economiche del Giappone, a dispetto della debolezza delle imprese e della spesa delle famiglie.Secondo la stima preliminare del Cabinet Office, il leading indicator (superindice) si sarebbe portato a 92,9 punti, in aumento del 4,4% rispetto agli 88,4 di agosto. Nello stesso periodo, l’indice coincidente che sintetizza la situazione attuale dell’economia, è indicato in aumento dell’1,4% a 80,8 punti da 79,4. L’indice differito, che invece cattura le prospettive per i prossimi 12 mesi (lagging index), è atteso in aumento a 92,2 da 91,3.Il primo ministro Yoshihide Suga dovrebbe annunciare in questi giorni un piano di aiuti extra per aiutare l’economia a superare la crisi del Covid-19. LEGGI TUTTO

  • in

    Stati Uniti, occupati a ottobre cresciuti più delle attese

    (Teleborsa) – Superiore alle aspettative la creazione di posti di lavoro in USA a ottobre. Secondo i dati forniti dal Bureau of Labour Statistics, il tasso di disoccupazione è sceso al 6,9% dal 7,9% precedente e migliore del consensus che indicava un 7,7%.Sono stati creati 638 mila di posti di lavoro nei settori non agricoli (non-farm payrolls), dopo che a settembre erano state create 672 mila buste paga. Il dato sugli occupati, più osservato del tasso di disoccupazione, è migliore del consensus che indicava un aumento di 600 mila di posti di lavoro.La crescita è sopra le attese nel settore privato, come già anticipato dal report di ADP, essendo stati ricreati 906 mila di posti di lavoro (era previsto un aumento di 690 mila), dopo la crescita di quasi 892 mila registrata ad settembre.Gli occupati del settore manifatturiero sono saliti di 38 mila unità, al di sotto del consensus che indicava un aumento di 50 mila, e si confrontano con i 60 mila del mese precedente.Le retribuzioni medie orarie registrano un incremento del 4,5% su anno a 34,8 dollari (+0,1% su mese), che risulta inferiore al 4,6% atteso. Le retribuzioni medie orarie sono monitorate con attenzione dalla Federal Reserve in quanto buon indicatore sia dello stato di salute del mercato del lavoro che delle pressioni inflazionistiche. LEGGI TUTTO

  • in

    Germania, produzione industriale sotto attese a settembre

    (Teleborsa) – L’industria tedesca frena cresce ancora a settembre, seppur ad un ritmo più lento del previsto.Secondo l’Ufficio di statistica tedesco Destatis, la produzione industriale ha evidenziato una accelerazione a +1,6% dopo il +0,5% di agosto (dato rivisto da un preliminare -0,2%). Il dato risulta inferiore alle stime degli analisti che avevano previsto un aumento del 2,7%.Su base annua si evidenzia una contrazione del 7,3%.Il dato che esclude l’energia e le costruzioni registra una salita del 2%. La produzione di energia è scesa del 2,5%, mentre quella nelle costruzioni è cresciuta dell’1,5%. LEGGI TUTTO

  • in

    Appuntamenti macroeconomici del 6 novembre 2020

    (Teleborsa) -Venerdì 06/11/2020 00:30 Giappone: Spese reali famiglie, mensile (atteso 2,2%; preced. 1,7%)08:00 Germania: Produzione industriale, mensile (atteso 2,7%; preced. 0,5%)08:45 Francia: Partite correnti (preced. -4,7 Mld Euro)08:45 Francia: Bilancia commerciale (atteso -6,3 Mld Euro; preced. -7,7 Mld Euro)08:45 Francia: Occupazione, trimestrale (preced. -0,8%)09:00 Spagna: Produzione industriale, annuale (atteso -3,8%; preced. -5,7%)10:00 Italia: Vendite dettaglio, mensile (preced. 8,2%)10:00 Italia: Vendite dettaglio, annuale (preced. 0,8%)14:30 USA: Variazione occupati (atteso 600K unità; preced. 661K unità)14:30 USA: Tasso disoccupazione (atteso 7,7%; preced. 7,9%)16:00 USA: Vendite ingrosso, mensile (atteso 1%; preced. 1,4%)16:00 USA: Scorte ingrosso, mensile (preced. 0,4%) LEGGI TUTTO

  • in

    Gas, EIA: stoccaggi settimanali USA in discesa

    (Teleborsa) – In calo gli stoccaggi settimanali di gas negli USA. Secondo l’Energy Information Administration (EIA), divisione del Dipartimento dell’Energia americano, gli stoccaggi di gas nella settimana terminata il 30 ottobre 2020, sono risultati in diminuzione di 36 BCF (billion cubic feet).Il consensus indicava una discesa di 26 BCF. La settimana prima si era registrato un incremento di 29 BCF.Le scorte totali si sono dunque portate a 3.919 miliardi di piedi cubici, risultando in aumento del 5,4% rispetto ad un anno fa (quando erano pari a 3.719 BCF) ed in crescita del 5,4% rispetto alla media degli ultimi cinque anni (3.718 BCF). LEGGI TUTTO

  • in

    Stati Uniti, domande disoccupazione in lieve calo

    (Teleborsa) – Lieve calo delle richieste di sussidio alla disoccupazione negli USA. Nella settimana al 31 ottobre, i “claims” sono risultati pari a 751.000 unità, in calo di 7mila unità rispetto al dato della settimana precedente di 758.000 (751.000 unità la prima lettura). Il dato è migliore delle attese degli analisti che erano per un aumento delle richieste di 732mila.La media delle ultime quattro settimane – in base ai dati del Dipartimento del Lavoro americano – si è assestata a 787.000 unità in contrazione di 4.000 unità rispetto al dato rivisto della settimana precedente. La media a quattro settimane viene ritenuta un indicatore più accurato dello stato di salute del mercato del lavoro, in quanto appiana le forti oscillazioni osservate settimanalmente.Infine, nella settimana al 24 ottobre, le richieste continuative di sussidio sono calate a 7.285.000, con un decremento di 538.000 unità rispetto al dato rivisto della settimana precedente (7.823.000)(Foto: Julien Gaud / Unsplash) LEGGI TUTTO

  • in

    Stati Uniti, produttività sotto attese e costo lavoro in calo

    (Teleborsa) – Nel 3° trimestre dell’anno la produttività del settore non agricolo in USA si è attestata a +4,9%, dopo il +10,6% registrato nel trimestre precedente (rivisto da un preliminare +10,1%), risultando inferiore alle attese che indicavano una salita del 5,6%.Secondo il Bureau of Labour Statistics (BLS) americano, il costo per unità di lavoro è calato a -8,9%, rispetto al precedente +8,5% (rivisto da un iniziale +9%). Le stime del consensus davano una discesa a -11,5%. LEGGI TUTTO

  • in

    Stati Uniti, frenano i licenziamenti a ottobre

    (Teleborsa) – Crescono ad un ritmo più lento i licenziamenti negli Stati Uniti nel mese di ottobre. Secondo il rapporto Challenger, Gray & Christmas, le principali società statunitensi hanno rilevato un taglio di circa 80.666 posti di lavoro in aumento dell’80,7% rispetto ai 118.804 dello stesso periodo del 2019.Da inizio anno si sono registrati 2.162.928 licenziamenti (+320% rispetto al pari periodo del 2019), che rappresentano un nuovo record storico dopo quello segnato nel 2001. LEGGI TUTTO