More stories

  • in

    Wall Street resta al palo. Investitori digeriscono le trimestrali

    (Teleborsa) – Sosta intorno alla parità la Borsa di New York, con il Dow Jones che si attesta a 35.739 punti; sulla stessa linea, si muove intorno alla parità l’S&P-500, che continua la giornata a 4.571 punti. In moderato rialzo il Nasdaq 100 (+0,26%); consolida i livelli della vigilia l’S&P 100 (+0,03%).L’attenzione degli investitori rimane sulla stagione delle trimestrali, con diversi colossi che hanno diffuso i dati tra ieri sera e questa mattina. Sul fronte tech, Alphabet, Microsoft e Twitter hanno superato le attese (giovedì toccherà ad Apple e Amazon). Risultati positivi anche per McDonald’s, Coca-Cola e General Motors, mentre ha fortemente deluso la performance di Robinhood.In discesa a Wall Street tutti i comparti dell’S&P 500. Tra i peggiori della lista del paniere S&P 500, in maggior calo i comparti energia (-1,80%), finanziario (-0,91%) e materiali (-0,90%).In cima alla classifica dei colossi americani componenti il Dow Jones, Microsoft (+2,61%), Coca Cola (+2,59%), McDonald’s (+1,53%) e Salesforce.Com (+1,36%).Le più forti vendite, invece, si manifestano su Visa, che prosegue le contrattazioni a -4,67%.Seduta negativa per JP Morgan, che mostra una perdita dell’1,51%.Sotto pressione Chevron, che accusa un calo dell’1,45%.Scivola DOW, con un netto svantaggio dell’1,24%.Al top tra i colossi tecnologici di Wall Street, si posizionano Xilinx (+5,01%), Microsoft (+2,61%), Tesla Motors (+1,82%) e Automatic Data Processing (+1,30%).Le peggiori performance, invece, si registrano su Fiserv, che ottiene -5,81%.Sessione nera per Texas Instruments, che lascia sul tappeto una perdita del 5,71%.In caduta libera Garmin, che affonda del 3,63%.Pesante Analog Devices, che segna una discesa di ben -3,27 punti percentuali.Tra le variabili macroeconomiche di maggior peso nei mercati nordamericani:Mercoledì 27/10/202114:30 USA: Ordini beni durevoli, mensile (atteso -1,1%; preced. 1,3%)16:30 USA: Scorte petrolio, settimanale (atteso 1,91 Mln barili; preced. -431K barili)Giovedì 28/10/202114:30 USA: PIL, trimestrale (atteso 2,8%; preced. 6,7%)14:30 USA: Richieste sussidi disoccupazione, settimanale (atteso 292K unità; preced. 290K unità)16:00 USA: Vendita case in corso, mensile (atteso 0,5%; preced. 8,1%). LEGGI TUTTO

  • in

    Mercati europei positivi su trimestrali incoraggianti

    (Teleborsa) – Si muovono in territorio positivo i principali mercati di Eurolandia. Sulla stessa scia rialzista il FTSE MIB. In testa al FTSE MIB c’è Ferrari, che rinnova i massimi storici sulle attese dei risultati trimestrali il prossimo 2 novembre, mentre il fanalino di coda è Campari, in pesante ribasso dopo la diffusione dei conti trimestrali. La giornata è priva di spunti macroeconomici significativi in Europa; in Spagna i prezzi alla produzione settembre sono saliti ancora.Sul fronte delle trimestrali europee, sono state positive le trimestrali di UBS (l’utile cresce del 9% nel 3° trimestre grazie) e Novartis (balzo dell’utile trimestrale grazie ai due farmaci principali). Ha deluso Orange, con ricavi ed EBITDAaL in calo nei tre mesi al 30 settembre.Sostanzialmente stabile l’Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,162. L’Oro continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a -0,17%. Sostanzialmente stabile il mercato petrolifero, che continua la sessione sui livelli della vigilia con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che scambia a 83,86 dollari per barile.Aumenta di poco lo spread, che si porta a +104 punti base, con un lieve rialzo di 1 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari allo 0,91%.Tra i listini europei buoni spunti su Francoforte, che mostra un ampio vantaggio dello 0,95%, resistente Londra, che segna un piccolo aumento dello 0,61%, e Parigi avanza dello 0,67%.Il listino milanese mostra un timido guadagno, con il FTSE MIB che sta mettendo a segno un +0,53%, continuando la scia rialzista evidenziata da tre guadagni consecutivi, innescata venerdì scorso; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share avanza in maniera frazionale, arrivando a 29.606 punti.In frazionale progresso il FTSE Italia Mid Cap (+0,46%); pressoché invariato il FTSE Italia Star (-0,03%).Tra i best performers di Milano, in evidenza Ferrari (+2,76%), Pirelli (+2,12%), Leonardo (+2,05%) e Buzzi Unicem (+1,70%).I più forti ribassi, invece, si verificano su Amplifon, che continua la seduta con -3,08%.In caduta libera Campari, che affonda del 3,01%.Recordati scende dell’1,37%.Giornata fiacca per DiaSorin, che segna un calo dello 0,99%.Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Alerion Clean Power (+9,29%), Unieuro (+6,00%), FILA (+2,46%) e Technogym (+2,09%).I più forti ribassi, invece, si verificano su El.En, che continua la seduta con -2,15%.Calo deciso per Sanlorenzo, che segna un -1,71%.Sotto pressione Sesa, con un forte ribasso dell’1,51%.Soffre Ascopiave, che evidenzia una perdita dell’1,22%. LEGGI TUTTO

  • in

    Wall Street positiva guarda a risultati Big Tech

    (Teleborsa) – La borsa di Wall Street taglia il traguardo di metà seduta in frazionale rialzo, confermando la prudenza dell’avvio, mentre gli investitori aspettano i risultati trimestrali dei giganti del settore tech di questa settimana.Tra gli indici statunitensi, il Dow Jones è sostanzialmente stabile e si posiziona su 35.732 punti, mentre, al contrario, piccolo scatto in avanti per l’S&P-500, che arriva a 4.568 punti. Buona la prestazione del Nasdaq 100 (+1,02%); sulla stessa tendenza, guadagni frazionali per l’S&P 100 (+0,56%).Apprezzabile rialzo nell’S&P 500 per i comparti beni di consumo secondari (+1,60%), energia (+1,10%) e materiali (+1,07%).Tra i protagonisti del Dow Jones, Walt Disney (+1,47%), Wal-Mart (+1,29%), Visa (+1,10%) e Home Depot (+1,01%).I più forti ribassi, invece, si verificano su American Express, che continua la seduta con -2,04%.Si muove sotto la parità Travelers Company, evidenziando un decremento dello 0,91%.Contrazione moderata per Amgen, che soffre un calo dello 0,74%.Sottotono McDonald’s che mostra una limatura dello 0,55%.Al top tra i colossi tecnologici di Wall Street, si posizionano Tesla Motors (+9,27%), Moderna (+5,24%), Activision Blizzard (+2,59%) e Seagate Technology (+2,56%).I più forti ribassi, invece, si verificano su Henry Schein, che continua la seduta con -3,25%.Si concentrano le vendite su Mattel, che soffre un calo dell’1,98%.Vendite su Baidu, che registra un ribasso dell’1,60%.Seduta negativa per Citrix Systems, che mostra una perdita dell’1,07%. LEGGI TUTTO

  • in

    In rosso Tokyo. Sopra la parità le Borse cinesi

    (Teleborsa) – Sessione negativa per Tokyo, con il Nikkei 225 che sta lasciando sul parterre lo 0,73%, mentre, al contrario, Shenzhen fa un piccolo salto in avanti dello 0,30% e Shanghai dello 0,37%. Consolida i livelli della vigilia Hong Kong (+0,1%); poco sopra la parità Seul (+0,46%).In Cina sono in ribasso i titoli del settore immobiliare, dopo che sabato il principale organo decisionale del parlamento ha annunciato che lancerà una tassa immobiliare pilota in alcune regioni. “Anche se abbiamo avuto alcune notizie sul fronte di Evergrande, penso che vedremo una maggiore pressione sul settore immobiliare, in particolare sulle società più piccole”, ha affermato Carlos Casanova, economista di UBP.In moderato rialzo Mumbai (+0,39%); sulla stessa tendenza, leggermente positivo Sydney (+0,36%), mentre la Borsa neozelandese è chiusa per il Labor Day.Appiattita la performance dell’Euro contro la valuta nipponica, che tratta con un modesto +0,2%. Sostanziale invarianza per l’Euro nei confronti della divisa cinese, che passa di mano con un trascurabile +0,04%. Seduta sostanzialmente invariata per l’Euro contro il Dollaro hongkonghese, che tratta con un moderato +0,08%.Il rendimento per l’obbligazione decennale giapponese è pari 0,1%, mentre il rendimento del titolo di Stato decennale cinese tratta 2,98%.Tra le grandezze macroeconomiche più importanti dei mercati asiatici:Giovedì 28/10/202101:50 Giappone: Vendite dettaglio, annuale (atteso -2,3%; preced. -3,2%)Venerdì 29/10/202101:30 Giappone: Tasso disoccupazione (atteso 2,8%; preced. 2,8%)01:50 Giappone: Produzione industriale, mensile (atteso -3,2%; preced. -3,6%). LEGGI TUTTO

  • in

    Contrastata la Borsa americana. In rosso il Nasdaq

    (Teleborsa) – Sostanzialmente stabile Wall Street, che continua la sessione sui livelli della vigilia, con il Dow Jones che si ferma a 35.670 punti; sulla stessa linea, si muove intorno alla parità l’S&P-500, che continua la giornata a 4.543 punti (-0,17%). In rosso il Nasdaq 100 (-0,8%); come pure, poco sotto la parità l’S&P 100 (-0,39%).La performance degli indici è peggiorata dopo che il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha dichiarato che la banca centrale degli Stati Uniti è “sulla buona strada” per iniziare a ridurre i suoi acquisti di asset. I risultati deludenti di Snap spingono al ribasso anche Facebook, Alphabet e Twitter. Pesante ribasso per Intel dopo una trimestrale sotto le attese, sotto la parità Honeywell (che ha registrato un balzo dell’utile, ma ha rivisto al ribasso la guidance), e positiva Mattel (ha detto che i problemi alla supply chain non le precluderanno forti vendite durante le festività). Ottima American Express, dopo il balzo di ricavi e utili grazie a maggiori spese di consumatori e aziende, mentre è crollato il titolo di Beyond Meat, dopo il taglio dell’outlook per il terzo trimestre.Nell’S&P 500, buona la performance dei comparti finanziario (+1,02%), beni di consumo per l’ufficio (+0,68%) e utilities (+0,56%). Nella parte bassa della classifica dell’S&P 500, sensibili ribassi si manifestano nei comparti telecomunicazioni (-2,56%) e beni di consumo secondari (-0,46%).In cima alla classifica dei colossi americani componenti il Dow Jones, American Express (+5,56%), Goldman Sachs (+1,43%), Travelers Company (+1,39%) e United Health (+1,31%).Le più forti vendite, invece, si manifestano su Intel, che prosegue le contrattazioni a -11,85%.Vendite a piene mani su Honeywell International, che soffre un decremento del 2,41%.Spicca la prestazione negativa di Walt Disney, che scende dell’1,34%.McDonald’s scende dell’1,24%.Al top tra i colossi tecnologici di Wall Street, si posizionano Seagate Technology (+5,53%), Ebay (+4,13%), KLA-Tencor (+2,72%) e Expeditors Intern Of Washington (+2,45%).Le più forti vendite, invece, si manifestano su Intel, che prosegue le contrattazioni a -11,85%.Pessima performance per Facebook, che registra un ribasso del 5,50%.Sessione nera per Moderna, che lascia sul tappeto una perdita del 4,79%.In caduta libera Alphabet, che affonda del 3,32%. LEGGI TUTTO

  • in

    Seduta contrastata a New York. Intel e social spingono in rosso il Nasdaq

    (Teleborsa) – Seduta con scambi vicino alla parità per i maggiori indici di Wall Street, con il Dow Jones, che avanza a 35.680 punti, mentre, al contrario, giornata senza infamia e senza lode per l’S&P-500, che rimane a 4.552 punti. Sulla parità il Nasdaq 100 (-0,18%); come pure, senza direzione l’S&P 100 (-0,09%).I risultati deludenti di Snap spingono al ribasso anche Facebook, Alphabet e Twitter, mandando in rosso l’indice Nasdaq. Pesante ribasso per Intel dopo una trimestrale sotto le attese, sotto la parità Honeywell (che ha registrato un balzo dell’utile, ma ha rivisto al ribasso la guidance), e positiva Mattel (ha detto che i problemi alla supply chain non le precluderanno forti vendite durante le festività).Si distinguono nel paniere S&P 500 i settori finanziario (+0,72%), energia (+0,60%) e beni di consumo per l’ufficio (+0,45%). In fondo alla classifica, sensibili ribassi si manifestano nel comparto telecomunicazioni, che riporta una flessione di -1,48%.In cima alla classifica dei colossi americani componenti il Dow Jones, American Express (+3,23%), DOW (+1,27%), Goldman Sachs (+1,16%) e Travelers Company (+0,98%).I più forti ribassi, invece, si verificano su Intel, che continua la seduta con -11,52%.Pensosa Honeywell International, con un calo frazionale dello 0,81%.Tentenna Walt Disney, con un modesto ribasso dello 0,74%.Al top tra i colossi tecnologici di Wall Street, si posizionano KLA-Tencor (+5,70%), Seagate Technology (+4,58%), Applied Materials (+4,46%) e Lam Research (+2,79%).Le più forti vendite, invece, si manifestano su Intel, che prosegue le contrattazioni a -11,52%.Lettera su Facebook, che registra un importante calo del 4,01%.Affonda Moderna, con un ribasso del 3,37%.Crolla Tripadvisor, con una flessione del 2,14%. LEGGI TUTTO

  • in

    Borse europee in rally snobbano indice PMI deludente

    (Teleborsa) – Il bilancio è positivo per i listini azionari europei che consolidano i rialzi attorno alla metà seduta nonostante il rallentamento dell’attività, nel mese di ottobre, evidenziata dagli indicatori PMI sul manifatturiero e sui servizi.Sul mercato valutario, l’Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,13%. Lieve aumento per l’oro, che mostra un rialzo dello 0,54%. Seduta in lieve rialzo per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che avanza a 83,06 dollari per barile.Consolida i livelli della vigilia lo spread, attestandosi a +104 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona allo 0,96%.Tra i mercati del Vecchio Continente sostenuta Francoforte, con un discreto guadagno dello 0,87%, sostanzialmente tonico Londra, che registra una plusvalenza dello 0,60%. Buoni spunti su Parigi, che mostra un ampio vantaggio dell’1,06%. Lieve aumento per la Borsa Milanese, con il FTSE MIB che sale dello 0,49% a 26.655 punti; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share fa un piccolo salto in avanti dello 0,44%, portandosi a 29.300 punti.Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, in primo piano Banco BPM, che mostra un forte aumento del 2,03%.Ben impostata Interpump, che mostra un incremento dell’1,65%.Tonica CNH Industrial che evidenzia un bel vantaggio dell’1,61%.In luce Nexi, con un ampio progresso dell’1,35%.Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Alerion Clean Power (+6,91%), IREN (+4,70%), Danieli (+2,61%) e ERG (+2,07%).Le peggiori performance, invece, si registrano su doValue, che ottiene -11,30%.Affonda Saras, con un ribasso del 4,74%.Soffre Banca Ifis, che evidenzia una perdita dell’1,62%.Preda dei venditori Technogym, con un decremento dell’1,18%. LEGGI TUTTO

  • in

    Debole il mercato americano. Il crollo di IBM pesa sul Dow Jones

    (Teleborsa) – Il listino USA continua la seduta poco sotto la parità, con il Dow Jones che lima lo 0,34%, mentre, al contrario, incolore l’S&P-500, che continua la seduta a 4.534 punti, sui livelli della vigilia. In frazionale progresso il Nasdaq 100 (+0,3%); consolida i livelli della vigilia l’S&P 100 (-0,11%).Il Dow Jones è appesantito dal crollo del titolo di IBM, dopo che ha mancato le stime di mercato per i ricavi trimestrali. Sempre ieri sera, a mercato chiuso, sono arrivati i risultati di Tesla, che ha registrato un fatturato deludente e utili migliori delle attese; il titolo ha recuperato le perdite iniziali e scambia in buon rialzo. Tra chi ha diffuso i dati prima dell’apertura della Borsa c’è American Airlines, trimestrale sopra le attese grazie a ripresa dei viaggi, e AT&T, utili migliori delle attese e buona crescita dei nuovi abbonati telefonici.Nell’S&P 500, buona la performance del comparto beni di consumo secondari. In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si manifestano nei comparti energia (-1,90%), materiali (-0,90%) e finanziario (-0,55%).Tra i protagonisti del Dow Jones, Nike (+1,58%), Home Depot (+1,31%), Walgreens Boots Alliance (+1,06%) e United Health (+0,99%).I più forti ribassi, invece, si verificano su IBM, che continua la seduta con -8,41%.Sessione nera per DOW, che lascia sul tappeto una perdita del 2,59%.In rosso Chevron, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,58%.Spicca la prestazione negativa di American Express, che scende dell’1,46%.Tra i protagonisti del Nasdaq 100, Tractor Supply (+4,97%), Netflix (+3,98%), Mattel (+3,22%) e Tesla Motors (+2,97%).Le più forti vendite, invece, si manifestano su Lam Research, che prosegue le contrattazioni a -2,74%.In caduta libera Discovery, che affonda del 2,15%.Pesante Discovery, che segna una discesa di ben -2,01 punti percentuali.Comcast scende dell’1,60%. LEGGI TUTTO