More stories

  • in

    Carlsberg posta in Rating Watch negativo da Fitch per acquisizione Britvic

    (Teleborsa) – Fitch Ratings ha posto il Long-Term Issuer Default Rating (IDR) “BBB+” di Carlsberg, una delle più importanti società produttrici di birra al mondo, in Rating Watch Negative (RWN) in seguito all’annuncio dell’acquisizione di Britvic.L’RWN riflette il potenziale impatto negativo sul profilo finanziario di Carlsberg derivante dall’acquisizione recentemente annunciata, interamente finanziata dal debito, del produttore britannico di bevande analcoliche, Britvic, per 3,3 miliardi di sterline. La transazione migliorerà il profilo commerciale dell’azienda con una maggiore diversificazione dei prodotti e un portafoglio marchi rafforzato. Tuttavia, Fitch stima che ciò porterà ad un aumento della leva finanziaria netta sull’EBITDA del gruppo verso 3,5x nel 2025, con una riduzione solo graduale verso 2,9x entro il 2027, il che probabilmente si tradurrà in un downgrade di un livello. La riduzione della leva finanziaria sarà soggetta all’attuazione della policy finanziaria di Carlsberg, anche per quanto riguarda le distribuzioni agli azionisti, nonché i profitti e le sinergie generate dal nuovo asset.Il rating di Carlsberg riflette la sua performance commerciale stabile e resiliente come terza azienda internazionale di birra in termini di volume, con una forte presenza sul mercato in Europa e Asia. L’agenzia di rating si aspetta che mostrerà una crescita resiliente dei ricavi nel 2024-2027, supportata dalla sua strategia di “premiumisation” e dall’espansione in Asia. LEGGI TUTTO

  • in

    TIM, upgrade di S&P a “BB” dopo la cessione di Netco. Outlook stabile

    (Teleborsa) – S&P Global Ratings ha alzato il rating su TIM a “BB” da “B+”, dopo che il 1° luglio 2024 la società ha perfezionato la cessione dei propri asset relativi alle infrastrutture di rete fissa (NetCo) a KKR. Allo stesso tempo, ha rimosso tutti i rating dal CreditWatch positivo, dove erano stati inseriti il ??9 novembre 2023.L’upgrade riflette il miglioramento del profilo creditizio di TIM, guidato dalla prevista significativa riduzione del debito attraverso i proventi della cessione di Netco e dall’impegno di TIM a mantenere una leva finanziaria moderata. La cessione di Netco ha ridotto sostanzialmente le dimensioni, gli utili, la base patrimoniale e le operazioni del gruppo, il che ci ha portato a rivedere al ribasso il suo profilo di rischio aziendale. Tuttavia, l’obiettivo del gruppo di una struttura di capitale moderata a seguito della transazione compensa questo risultato. Il gruppo prevede di ridurre il debito di circa 14 miliardi di euro (al netto dei leasing) a seguito della cessione di Netco. Ciò ridurrà sostanzialmente il debito rettificato rispetto all’EBITDA a meno di 4,0x nel 2024 e nel 2025 rispetto ai circa 5,0x precedenti.L’agenzia di rating scrive che le considerevoli dimensioni e la solida posizione del gruppo nel mercato interno e in Brasile continuano a sostenere il suo profilo di rischio. A seguito della cessione, il gruppo manterrà dimensioni considerevoli, con ricavi reported superiori a 14 miliardi di euro e un EBITDA reported di oltre 4 miliardi di euro. Ciò riflette le considerevoli attività di TIM nei settori consumer e enterprise a livello nazionale, nonché le grandi operazioni brasiliane, che si prevede contribuiranno per oltre il 50% dell’EBITDA reported. S&P ritiene che il gruppo manterrà la sua forte posizione come operatore storico di telecomunicazioni nel mercato nazionale italiano e anche la sua forte posizione in Brasile. Ritiene inoltre che abbia una solida diversità geografica e di business, con un’esposizione significativa al segmento enterprise e un forte contributo dalla sua filiale brasiliana in crescita.Detto questo, il contesto competitivo molto impegnativo in Italia, che ha portato a un grave deterioramento dei ricavi e dell’EBITDA per il gruppo consolidato preesistente dal 2017, continua a limitare il profilo di rischio aziendale. Sebbene si intravedano potenziali ulteriori operazioni di M&A di consolidamento nel mercato interno che potrebbero alleviare la pressione competitiva, i tempi rimangono incerti. Indipendentemente da ciò, i potenziali benefici derivanti dai previsti minori vincoli normativi sulle sue operazioni fisse dopo la cessione di Netco potrebbero migliorare le capacità di bundling del gruppo, supportando la crescita dell’ARPU, limitando le perdite di clienti in futuro e di conseguenza fornendo stabilizzazione del business nazionale.L’outlook stabile riflette l’aspettativa che TIM riorienterà il proprio business domestico in linea con le aspettative, dimostrato da una stabilizzazione della base clienti e dell’ARPU, pur mantenendo un solido trading in Brasile, tale da registrare una leva finanziaria di sotto del 4,0x nel 2024 e rafforzando ulteriormente i parametri del credito nel 2025 e nel 2026. LEGGI TUTTO

  • in

    Francia, Morningstar DBRS: prossimo governo avrà limitati i margini di manovra

    (Teleborsa) – In seguito ai risultati delle elezioni legislative di ieri, il panorama politico in Francia appare “altamente frammentato”, con tre grandi blocchi politici e senza una maggioranza assoluta che emerge da un unico blocco. Per ora, il presidente Macron ha chiesto al primo ministro Attal di rimanere al suo posto con un governo provvisorio. La composizione e la tempistica della formazione del governo rimangono “poco chiare”. È “probabile che anche il prossimo Primo Ministro e il prossimo governo facciano affidamento sul fragile sostegno parlamentare”. Lo scrive Morningstar DBRS in un’analisi sul tema. Di conseguenza, gli analisti ritengono che “la definizione delle politiche economiche e fiscali sarà difficile” e che “ritardi significativi nel correggere le prospettive fiscali a medio termine rispetto alle aspettative attuali potrebbero avere implicazioni sul credito per la Francia”.”La composizione dell’Assemblea nazionale dovrebbe consentire un’ampia continuità politica per le politiche europee, estere e climatiche della Francia – ha affermato Mehdi Fadli, vicepresidente senior del Global Sovereign Ratings Group di Morningstar DBRS – Tuttavia, è probabile che la politica economica e fiscale si trovi ad affrontare uno stallo, mentre i prossimi eventi fiscali saranno fondamentali per la traiettoria fiscale della Francia”.Secondo Morningstar DBRS, lo smantellamento della riforma pensionistica del 2023 sembra improbabile, ma non si possono escludere eventuali aggiustamenti a tale riforma con il sostegno della maggioranza dei membri neoeletti nell’Assemblea nazionale. Potrebbe anche essere necessario raggiungere un accordo di coalizione.”Riteniamo che la capacità della Francia di attuare il consolidamento fiscale e il suo programma di riforme economiche sarà probabilmente ostacolata per almeno un anno”, si legge nel report.La composizione dell’Assemblea nazionale dovrebbe consentire un’ampia continuità politica nei tre campi seguenti: 1) la posizione della Francia nei confronti dell’Unione europea e la coesione dell’asse franco-tedesco; 2) la politica estera della Francia, inclusa la sua posizione nella NATO e il suo sostegno all’Ucraina; e 3) le politiche climatiche della Francia, compreso il perseguimento della strategia nazionale a basse emissioni di carbonio.(Foto: Anthony Choren su Unsplash) LEGGI TUTTO

  • in

    Rino Mastrotto, S&P assegna rating “B” con outlook stabile

    (Teleborsa) – S&P Global Ratings ha assegnato un rating creditizio preliminare “B” a Rino Mastrotto e alle sue obbligazioni da 320 milioni di euro da emettere, con outlook stabile.Il produttore italiano di pelle e tessuti prevede infatti di emettere nuovi titoli senior garantiti a tasso variabile da 320 milioni di euro con scadenza nel 2031. I proventi netti previsti verranno utilizzati per rifinanziare il debito finanziario esistente di 186 milioni di euro e pagare 124 milioni di euro come dividendo una tantum ai suoi azionisti. Nell’ambito dell’operazione, la società sta mettendo in atto una nuova linea di credito revolving super senior (SS RCF) da 50 milioni di euro con scadenza in 6,5 anni.Secondo S&P, Rino Mastrotto presenta nel complesso una buona diversificazione in termini di segmento finale, con esposizione ai beni di lusso personali, al settore automobilistico (volanti e sedili) e al design di interni. L’azienda ha rapporti duraturi con case di lusso e produttori automobilistici globali e una reputazione consolidata come fornitore affidabile e di qualità di pelletteria (la pelle rappresenta circa il 90% delle sue vendite annuali). Per l’anno fiscale 2023 (che termina il 31 dicembre 2023), la società ha generato 363,4 milioni di euro di vendite e 58,3 milioni di euro di EBITDA rettificato.Le prospettive stabili riflettono l’aspettativa che Rino Mastrotto continuerà ad espandere le proprie vendite del 4,5%-5,0% nei prossimi due anni, migliorando al contempo i margini EBITDA rettificati a circa il 19%-21%, guidato da un graduale spostamento verso il segmento della creazione di lusso, un migliore assorbimento dei costi fissi legato ai maggiori volumi di fatturato, e una migliore leva operativa legata alla flessibilità delle linee di produzione dell’azienda. S&P stima che ciò si tradurrà in un debito rettificato rispetto all’EBITDA prossimo a 5,0x nel 2025 e in una generazione positiva annuale di free operating cash flow (FOCF) (dopo i contratti di locazione) di 10-20 milioni di euro.(Foto: Carrie Allen www.carrieallen.com on Unsplash) LEGGI TUTTO

  • in

    Francia, S&P: divisione del parlamento rischia di complicare definizione delle politiche

    (Teleborsa) – S&P Global Ratings ritiene che il nuovo scenario parlamentare in Francia complicherà probabilmente la definizione delle politiche. Secondo l’agenzia di rating, l’attuale mancanza di visibilità sulla natura del prossimo governo sta creando incertezza sui dettagli della strategia di politica economica e fiscale. Il bilancio 2025, che dovrebbe essere presentato al Parlamento all’inizio di ottobre, darà un’indicazione della volontà del nuovo governo di ridurre gli ampi deficit di bilancio della Francia e di rispettare le regole fiscali dell’UE.Data la divisione del parlamento – in cui nessun partito si è avvicinato ai 289 seggi necessari per ottenere la maggioranza assoluta – S&P prevede che il governo che ne deriverà faticherà ad attuare misure politiche significative e dovrà affrontare il rischio persistente di un voto di sfiducia. L’alleanza di sinistra è diventata il blocco più consistente, l’alleanza presidenziale il secondo e l’estrema destra il terzo. I negoziati tra i leader dei partiti determineranno ora se l’impasse politica risultante può essere risolta formando un governo di coalizione che possa sopravvivere a una mozione di sfiducia. Il presidente può sciogliere l’assemblea solo una volta ogni 12 mesi.In questo contesto, “l’approccio del prossimo governo in materia di finanze pubbliche e di riforme economiche e di bilancio potrebbe essere fondamentale per determinare l’affidabilità creditizia della Francia”, si legge in una nota.L’outlook stabile di S&P sulla Francia riflette le aspettative dell’agenzia di rating che la crescita economica reale acceleri e sostenga il consolidamento del bilancio, anche se non abbastanza da ridurre il già elevato rapporto debito pubblico/PIL. Il rating sulla Francia verrebbe messo sotto pressione se la crescita economica fosse materialmente al di sotto delle previsioni per un periodo prolungato, o se la Francia non riuscisse a ridurre il suo ampio deficit di bilancio e se i pagamenti degli interessi dell’amministrazione pubblica, sul totale delle entrate pubbliche, aumentassero oltre le attuali attese di S&P.(Foto: Anthony DELANOIX su Unsplash ) LEGGI TUTTO

  • in

    S&P migliora il rating su otto banche greche

    (Teleborsa) – S&P Global Ratings ha migliorato il rating su otto banche greche, sulla maggiore resilienza degli istituti ai cicli economici e sul miglioramento del profilo di finanziamento.”Il processo di risanamento attivo del bilancio del sistema bancario greco sta giungendo al termine mentre il sistema bancario greco raggiunge la piena ripresa post-crisi e inizia a beneficiare dello slancio economico positivo in Grecia – si legge in una nota – Il miglioramento del sentiment di mercato ha anche attenuato le preoccupazioni relative ai profili di finanziamento delle banche, poiché le banche greche hanno mantenuto costi di finanziamento bassi grazie a una base di depositi granulare e stabile e all’accesso a finanziamenti più convenienti dai mercati del debito esteri”.Inoltre, “le banche greche hanno compiuto individualmente progressi significativi verso il miglioramento della generazione di utili e della resilienza del modello di business”, viene evidenziato.In particolare, l’agenzia di rating ha migliorato il rating su Alpha Bank e la sua holding Alpha Services and Holdings, Eurobank e la sua holding Eurobank Holdings, National Bank of Greece, Piraeus Bank e la sua holding Piraeus Financial Holdings, e mantenuto l’outlook su queste banche “positivo”. Inoltre, ha aumentato il rating su Aegean Baltic Bank, assegnandogli un outlook stabile. LEGGI TUTTO

  • in

    Endesa, Standard Ethics conferma rating “E+”

    (Teleborsa) – Standard Ethics ha confermato il Corporate Standard Ethics Rating (SER) “E+” di Endesa, la più grande società di energia elettrica in Spagna e controllata di Enel. Si tratta del quarto notch su nove (nella fascia “Low”) della scala usata dall’agenzia di rating indipendente con sede a Londra e focalizzata sulla sostenibilità.Secondo la metodologia di Standard Ethics, la società prosegue il suo percorso di allineamento alle indicazioni sovranazionali in materia di Sostenibilità; rendiconta le attività extra-finanziarie secondo gli schemi condivisi a livello globale e tratta i principali temi ESG con policy appropriate. La parte ambientale (E) appare particolarmente curata con policy e obbiettivi dedicati ed in linea con le richieste di Onu, Ocse e Ue.Sussistono margini di miglioramento nell’impianto di governance della Sostenibilità (G): a titolo di esempio appare possibile un maggior allineamento del Codice Etico con l’introduzione di richiami formali alle indicazioni internazionali sulla Sostenibilità così come un rafforzamento dell’indipendenza all’interno del Consiglio di Amministrazione.Tenuto conto della presenza di un forte azionista di controllo e osservando il principio di tutela degli interessi degli azionisti di minoranza, qualsiasi implementazione orientata ad una limitazione o contenimento dei casi di interlocking è benvenuta.(Foto: toppercussion | 123RF) LEGGI TUTTO

  • in

    Duomo Topco (Kiko), S&P assegna rating B+ e outlook stabile

    (Teleborsa) – La neo costituita Duomo Topco prevede di emettere titoli senior garantiti da 500 milioni di euro e una linea di credito rotativa super senior (RCF) da 85 milioni di euro per supportare le intenzioni di L Catterton di acquistare il 69% del rivenditore italiano di cosmetici Kiko dalla famiglia Percassi per circa 1,4 miliardi di euro. L Catterton e la famiglia Percassi contribuiranno con circa 925 milioni di euro di common equity. Lo scrive S&P Global Ratings, assegnando un rating preliminare “B+” a Duomo Topco.”Il solido modello di business di Kiko, la redditività superiore alla media e l’ampia portata geografica sono alla base della posizione di leader del gruppo nei suoi mercati principali, in particolare in Italia, dove detiene circa il 12,6% del mercato e ha generato il 32% dei ricavi nel 2023 – si legge in una nota – Detto questo, la piccola scala di Kiko lo rende vulnerabile ai cambiamenti nel panorama competitivo del settore della bellezza”.L’outlook stabile riflette le aspettative di S&P secondo cui Kiko raggiungerà la crescita attraverso l’apertura di nuovi negozi elevando al contempo il proprio marchio, supportando così un margine EBITDA adjusted in modo sostenibile superiore al 25% nel periodo 2024-2025. L’agenzia di rating ritiene inoltre che gli investimenti espansivi peseranno sul free operating cash flow post leasing, previsto scendere a 53 milioni di euro negativi nel 2024 per poi tornare positivo a circa 40 milioni di euro nel 2025. LEGGI TUTTO