More stories

  • in

    EuroGroup: Borsa Italiana ammette società, CONSOB approva prospetto

    (Teleborsa) – EuroGroup Laminations, leader mondiale nella progettazione, produzione e distribuzione di statori e rotori per motori e generatori elettrici, ha comunicato che Borsa Italiana ha rilasciato il provvedimento di ammissione a quotazione delle azioni ordinarie su Euronext Milan. Inoltre, la società lombarda ha presentato la domanda di ammissione alle negoziazioni delle proprie azioni su Euronext Milan.EuroGroup Laminations ha anche reso noto che CONSOB ha approvato il prospetto informativo di quotazione, che è stato pubblicato sul sito della società.Come già comunicato, la dimensione dell’offerta sarà compresa tra 416 e 448 milioni di euro, per una capitalizzazione di mercato compresa tra 861 e 983 milioni di euro dopo l’aumento di capitale.(Foto: © Simona Flamigni | 123RF) LEGGI TUTTO

  • in

    TMP Group, debutto in Borsa il 2 febbraio. Smart Capital investitore cornerstone

    (Teleborsa) – TMP Group, tech-media company italiana specializzata nella progettazione e sviluppo di strategie di comunicazione, advertising e digital marketing, eventi ibridi e contenuti, ha presentato la domanda di ammissione alle negoziazioni delle proprie azioni e dei warrant su Euronext Growth Milan, il mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese ad alto potenziale di crescita. Il rilascio dell’avviso di ammissione alle negoziazioni è previsto per il 31 gennaio 2023, mentre l’avvio delle negoziazioni è previsto per il 2 febbraio 2023.Smart Capital, holding di partecipazioni con capitale permanente specializzata in investimenti di Private Equity e di Private Investments in Public Equity – per il tramite delle società partecipate Smart4Tech, KNOBS e Urania, ha sottoscritto un impegno di investimento vincolante nell’ambito del collocamento. L’investimento intende supportare nel tempo la società nell’implementazione di un percorso di crescita e consolidamento del posizionamento competitivo, sia per via endogena che tramite operazioni di carattere straordinario, nonché di sviluppare sinergie di natura industriale specie in ambito blockchain.”Siamo lieti di affiancare TMP Group ed il suo management team in quest’operazione che rappresenta un importante tassello per l’accelerazione della crescita della società – hanno commentato Andrea Costantini e Andrea Faraggiana, Co-Managing Partner di Smart Capital – L’operazione rappresenta il primo investimento di Smart4Tech, società controllata da Smart Capital e guidata da Laura Pedrinazzi (PhD) dedicata ad investimenti di minoranza in società tecnologiche quotate e non quotate”. “L’investimento ha per noi carattere fortemente industriale ed è per questo motivo che abbiamo favorito un coinvolgimento diretto nell’operazione delle nostre partecipate tecnologiche KNOBS ed Urania Tecnology Ventures”, hanno aggiunto.TMP Group chiuderà l’esercizio 2022 con ricavi totali consolidati non inferiori a 6,5 milioni di euro e un EBITDA consolidato non inferiore a 2 milioni di euro e una capitalizzazione pre-money compresa tra 10 milioni di euro e 12 milioni di euro. La forchetta di prezzo è stata fissata tra un minimo e un massimo di 10 euro e 12 euro per azione.È previsto che l’emittente conceda al Global Coordinator (Banca Profilo) un’opzione di sottoscrizione di azioni fino a un controvalore massimo di 0,75 milioni di euro, e corrispondenti a circa il 15% del numero di azioni oggetto del collocamento privato, allo scopo di coprire l’obbligo di restituzione rinveniente dall’opzione di over allotment nell’ambito del collocamento privato (opzione greenshoe).(Foto: © Simona Flamigni | 123RF) LEGGI TUTTO

  • in

    EuroGroup si quota su Euronext Milan per cavalcare l'onda green

    (Teleborsa) – EuroGroup Laminations, società lombarda attiva nella progettazione, produzione e distribuzione di statori e rotori per motori e generatori elettrici, ha comunicato la propria intenzione di procedere alla quotazione delle proprie azioni ordinarie su Euronext Milan. La quotazione è volta ad accelerare ulteriormente i piani di sviluppo e a continuare a “cavalcare l’onda” della diffusione dei veicoli elettrici e della transizione energetica.L’IPO dovrebbe iniziare nel corso del mese di febbraio 2023, compatibilmente con le condizioni di mercato e subordinatamente all’ottenimento delle approvazioni richieste. Il flottante richiesto ai fini della quotazione sarà realizzato attraverso un collocamento rivolto esclusivamente ad investitori qualificati e investitori istituzionali.È previsto che l’offerta abbia ad oggetto azioni ordinarie di nuova emissione per un massimo di 250 milioni di euro rivenienti da un aumento di capitale con esclusione del diritto di opzione e azioni ordinarie esistenti poste in vendita da parte dei seguenti azionisti: Euro Management Services (EMS, la holding controllata da cinque famiglie italiane); il veicolo di Tikehau Capital, Delorean Partecipazioni, nonché i fondi di investimento di Tikehau Capital, T2 Eltif Energy Transition Fund e T2 Energy Transition Fund. EMS manterrà il controllo della società, anche attraverso le azioni a voto multiplo.Con sede a Baranzate (MI), EuroGroup Laminations ha conseguito ricavi pari a circa 557 milioni di euro nel 2021 (margine EBITDA al 10,7%), attualmente può contare su un organico di circa 2.800 addetti, 7 stabilimenti produttivi in Italia e 5 all’estero (Messico, Stati Uniti, Cina, e Tunisia) e un portafoglio ordini per il segmento EV & AUTOMOTIVE con un valore stimato di circa 5 miliardi di euro.I proventi dell’offerta saranno utilizzati da EuroGroup Laminations per attuare la propria strategia, in particolare per espandere la capacità produttiva (compresa la creazione di nuovi stabilimenti produttivi), sviluppare nuove tecnologie, rafforzare la propria struttura patrimoniale, nonché ampliare ulteriormente la propria presenza geografica. Inoltre, se si presenterà l’opportunità, potrà anche perseguire opportunità di crescita per linee esterne.JP Morgan, BNP Paribas, Intesa Sanpaolo e UniCredit agiscono in qualità di joint global coordinator e joint bookrunner, Rothschild & Co quale advisor finanziario. UniCredit agirà inoltre in qualità di listing agent e Kepler Cheuvreux quale specialista ai fini della quotazione.(Foto: © Antonio Truzzi | 123RF) LEGGI TUTTO

  • in

    Deodato, slitta di qualche giorno il debutto in Borsa

    (Teleborsa) – Slitta di qualche giorno il debutto a Piazza Affari di Deodato Group, importante player del mercato dell’arte internazionale. La data prevista di ammissione è ora il 23 gennaio 2023, mentre inizialmente era prevista per il 18 gennaio, con l’inizio delle negoziazioni (di azioni ordinarie e warrant) nei giorni seguenti. Lo si apprende dall’aggiornamento della comunicazione di pre-ammissione a Borsa Italiana. Il processo di quotazione è curato da Integrae SIM (che riveste il ruolo di Euronext Growth Advisor).Deodato Group sbarcherà su Euronext Growth Milan (EGM), il mercato di Borsa Italiana dedicato alle PMI ad alto potenziale di crescita. Fondato nel 2010 da Deodato Salafia, include i brand Deodato Arte, Wunderkammern Gallery, Deodato.Tech e Love Spot Galleries. Con più di 10 gallerie in Italia e Europa, oltre che a uno spazio nel metaverso, i brand del gruppo sviluppano attivamente progetti nel campo artistico e digitale.Al 31 dicembre 2021, il gruppo ha realizzato un Valore della Produzione pari a circa 7,1 milioni di euro, con un EBITDA margin del 20,4%, mentre al 30 giugno 2022 risultano un Valore della Produzione di 5,8 milioni di euro e un EBITDA margin del 24,7%. Il fatturato è stato generato al 30 giugno 2022 verso clienti B2C per il 60% e verso clienti B2B per il 40%, prevalentemente in Italia.(Foto: © Antonio Truzzi | 123RF) LEGGI TUTTO

  • in

    Euro Group pronta per IPO a Piazza Affari a febbraio

    (Teleborsa) – Euro Group punta a lanciare un un’offerta pubblica iniziale (IPO) nel mese di febbraio per quotarsi a Piazza Affari. Lo hanno riferito a Bloomberg persone a conoscenza della questione, affermando che la società ha tenuto riunioni con gestori di fondi per valutare la domanda, ma che le deliberazioni sono in corso e i tempi e le dimensioni della potenziala offerta potrebbero cambiare.Il gruppo di Baranzate (Milano) punterebbe a raccogliere circa 500 milioni di euro dalla vendita delle sue azioni, per una valutazione di circa 1,5 miliardi di euro. Secondo Reuters, Euro Group mirerebbe invece a un flottante dal 30% al 40%, per raccogliere circa 400 milioni di euro di proventi.Euro Group opera nel settore dell’elettromeccanica, producendo e distribuendo rotori e statori per motori e generatori elettrici. La società è partecipata al 30% dal gruppo di private equity francese Tikehau Capital.Ha chiuso il 2021 con un fatturato di 650 milioni e un EBITDA di 50 milioni, potendo contare su oltre 2.300 dipendenti e 455 mila tonnellate di acciaio processato.All’estero è presente attraverso proprie controllate in USA, Messico, Tunisia, Russia, Cina e Giappone.(Foto: © Antonio Truzzi | 123RF) LEGGI TUTTO

  • in

    Saxo Bank valuta IPO a Copenaghen dopo fallimento fusione SPAC

    (Teleborsa) – Saxo Bank, banca danese focalizzata sul settore del trading e degli investimenti multi-asset, potrebbe procedere con un’offerta pubblica iniziale (IPO) sulla Borsa di Copenaghen nel 2023, dopo il fallimento della quotazione ad Amsterdam tramite SPAC. “C’è sempre stato il desiderio di fare una quotazione di Saxo”, ha detto a Reuters il CEO Kim Fournais, aggiungendo che la banca non ha fretta di quotarsi mentre le turbolenze di mercato persistono. Il listino preferito sarebbe probabilmente il Nasdaq Copenhagen.Il manager ha detto che non è stata presa alcuna decisione definitiva e le tempistiche potrebbero essere più lunghe, ovvero il prossimo anno e anche oltre il 2024.”Dipende un po’ dalle circostanze esterne. Si spera che stiano molto meglio durante quest’anno o il prossimo, ma potrebbe essere anche più tardi – ha detto Fournais – Abbiamo imparato molto nel processo della SPAC, il che significa anche che siamo in una posizione in cui possiamo reagire rapidamente”.Lo scorso settembre, Saxo Bank aveva comunicato di essere in trattativa con la SPAC Disruptive Capital Acquisition Company Limited (DCAC) per la quotazione su Euronext Amsterdam. I negoziati sono terminati all’inizio di dicembre, principalmente a causa di “condizioni di mercato difficili”. LEGGI TUTTO

  • in

    Dotstay trova casa agli expat con un assistente personale. In Borsa per scalare

    (Teleborsa) – Innovare l’offerta dei servizi nel settore immobiliare, grazie a una piattaforma online proprietaria che ha la finalità di coniugare le necessità degli utenti alla ricerca di una sistemazione e dei proprietari che affidano in gestione il proprio immobile alla società. È l’obiettivo di Dotstay, operatore di relocation e property management per locazioni di medio-lungo termine, che ha deciso di quotarsi a Piazza Affari per dare slancio alla propria crescita dopo il difficile periodo pandemico e per raccogliere capitali da impiegare nell’espansione geografica del business. Dotstay sta approcciando il mercato immobiliare in una prospettiva nuova, racconta a Teleborsa il fondatore e amministratore delegato Alessandro Adamo: “Il mercato immobiliare parte sempre dal prodotto, ovvero dalla casa, mentre Dotstay parte dall’utente, portandolo anche in digitale. La nostra piattaforma non consente di prenotare online una casa, ma una persona del luogo, e questo è il nostro point of difference”.Dotstay offre ai proprietari di immobili servizi di gestione immobiliare (come, ad esempio, il reperimento e la selezione del conduttore, il check-in e il check-out, la gestione della manutenzione ordinaria e straordinaria) sia di locazione diretta di immobili, concessi poi in sublocazione ad utenti interessati all’affitto a fronte del trasferimento in una nuova città (studenti e lavoratori qualificati). In parallelo, tramite la propria piattaforma online, fornisce agli utenti la possibilità di ricerca ed affitto di immobili, selezionandone un numero limitato mediante supporto di criteri indicati dagli utenti stessi, e mettendo a disposizione di essi un assistente personale locale denominato Angel per la visita di tali appartamenti identificati (Angel tour).”L’Angel è una nuova figura professionale che si pone a metà tra l’agente immobiliare e il personal assistant, che noi spesso definiamo “il primo amico in città” – afferma l’AD – Si tratta di una persona che rappresenta il primo contatto in una nuova città, che aiuta le persone nel loro trasferimento”. Per il momento questa figura viene retribuita dalla società in prestazione occasionale – e infatti si sposa bene con una condizione di freelance – ad eccezione della città di Milano, dove la dimensione del fatturato è tale che Dotstay ha scelto di assumere gli Angel in azienda.L’obiettivo è far sì che l’utente scelga uno degli appartamenti mostrati dall’Angel ed eventualmente appartenente al network di immobili Dotstay, che vengono curati dalla controllata DS Real Estate, società che fornisce servizi di mediazione immobiliare. La piattaforma online della società consente agli utenti di inserire alcuni criteri di ricerca che permettono al team di Dotstay di identificare ed individuare un numero massimo di 5 appartamenti che saranno oggetto di visita guidata (Angel tour). L’utente paga immediatamente una booking fee pari a 89 euro con carta di credito o PayPal, autorizzando anche il pagamento di un importo variabile (success fee), che varia a seconda del servizio selezionato: per un giorno 889 euro, per tre giorni 689 euro e per sette giorni 489 euro.Le ambizioni della società e l’implementazione di questo modello di business si sono però scontrati con le difficoltà emerse con la pandemia. Dotstay è stata costituita nel 2013 e ha iniziato ad essere operativa nel 2014, prima nella città di Milano, poi, in seguito ad una fase di espansione, dal 2017 anche in altre località (Roma, Firenze e Torino); durante la pandemia, la crescita ha subito un ridimensionamento a causa della difficoltà di spostamento da parte della clientela, comportando una necessaria riduzione drastica degli immobili gestiti e locati. Tale situazione ha spinto Dotstay a concentrare il proprio business sulla città di Milano, nell’ottica di contenimento dei costi al fine di consentire, successivamente, una futura nuova espansione in altre città italiane.”Uno dei primi obiettivi con l’IPO è la riattivazione di queste città – spiega Adamo – Hanno profili diversi rispetto a Milano, ma noi ci rivolgiamo sempre a una clientela referenziata, alto-spendente e che arriva in Italia per progetti di studio o lavoro qualificato. Il nostro format è scalabile in tutte le grandi città in cui c’è un afflusso di expat, che sia in Italia, in Europa o nel mondo. Pensiamo possa essere espandibile anche nella media città italiana di provincia se ci sono delle grandi aziende”.In questo percorso di crescita l’AD non si dice troppo preoccupato dalla concorrenza: “Non abbiamo un competitor diretto, in quanto la nostra selling-proposition di avere un assistente personale prenotabile si pone a metà tra immobiliare e servizi alla persona. Abbiamo però tanti competitor indiretti, che dispongono di immobili e con formule commerciali diverse possono farci concorrenza. Inoltre, Dotstay offre un assistente personale e questo è “on-top” rispetto all’alloggio stesso. Alcuni player del settore, ad esempio, si occupano di locazione e sublocazione, ma ciò non toglie che un nostro Angel non possa mostrare a un nostro cliente un loro immobile, anche perchè possiamo essere loro partner e finalizzare dei contratti con loro”.La società ha chiuso il primo semestre del 2022 con un valore della produzione pari a 105 mila euro, in aumento del 9,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. I ricavi da canoni di locazione sono stati pari a 63 mila euro, mentre quelli da prestazione di servizi: (sia gestione immobiliare che servizi destinata a utenti intenzionati a trasferirsi in una nuova città) sono stati pari a 35 mila euro. La perdita netta è stata di 116 mila euro, in crescita rispetto ai 46 mila euro del primo semestre 2021. L’intero 2021 si è chiuso con un valore della produzione pari a 279 mila euro (+29,8%) e una perdita di 23 mila euro (+91,8%).In fase di collocamento, rivolto ad investitori qualificati/istituzionali italiani ed esteri, la società ha raccolto 2,16 milioni di euro, ottenendo una capitalizzazione di 9,52 milioni di euro e un flottante pari al 26,33% all’inizio delle negoziazioni su Euronext Growth Milan – Segmento Professionale (il 29 dicembre 2022).Per quanto riguarda l’utilizzo dei proventi, “al primo posto c’è l’acquisizione di immobili in locazione diretta o in gestione immobiliare, per aumentare in maniera significativa il portafoglio di immobili del network Dotstay – afferma Adamo – Vengono poi il rafforzamento della struttura, sia a livello centrale che territoriale, e il rafforzamento della componente tecnologica, con lo sviluppo di software di gestione immobiliare di proprietà della società”. “Questi applicativi – sottolinea – serviranno allo scambio di informazioni tra Dotstay e la miriade di agenzie immobiliari con cui possiamo collaborare, per offrire al cliente finale l’immobile migliore, e nel lungo termine abbiamo l’ambizione di rendere Dotstay un marketplace della relocation, cioè rendere Dotstay una piattaforma che consenta alle migliaia di figure professionali che nel mondo si occupano di relocation di offrire i propri servizi su una piattaforma digitale a supporto del loro lavoro”. LEGGI TUTTO

  • in

    Eligo debutta in Borsa il 28 dicembre. Capitalizzazione di 13,9 milioni

    (Teleborsa) – Eligo è stata ammessa da Borsa Italiana su Euronext Growth Milan – Segmento Professionale, con l’inizio delle negoziazioni che è previsto per mercoledì 28 dicembre 2022. Si tratta di una Fashion Tech Company la cui caratteristica distintiva risiede nell’offerta di un servizio di personal styling che accompagna l’utente nelle scelte di acquisto all’interno di un marketplace dedicato alle eccellenze del Made in Italy. Nel 2021 Eligo ha distribuito 36 brand in 53 città e in 11 nazioni, registrando ricavi (consolidati pro-forma) pari a 961 mila euro e un valore della produzione pari a 1,4 milioni di euro.L’ammissione alle negoziazioni ha avuto ad oggetto 887.141 azioni ordinarie di nuova emissione, di cui 167.200 relative al collocamento privato riservato ad investitori professionali e 719.941 rinvenienti dalla conversione di due strumenti finanziari partecipativi (SFP). Il prezzo è stato fissato in 2,35 euro per azione, per una capitalizzazione a inizio negoziazioni di 13,9 milioni di euro e un flottante pari al 11,25%.”L’accesso al mercato azionario rappresenta l’evoluzione del nostro percorso di crescita che punta ad espandere il modello di business di Eligo applicandolo a diversi settori verticali quali Beauty, Home, Lifestyle – ha commentato la CEO Naomi Kohashi – Attraverso la piattaforma proprietaria E.L.S.A. miriamo ad intercettare brand italiani indipendenti e di nicchia, offrendo una maggiore forza commerciale che consenta loro di proporsi sul mercato attraverso i nuovi canali digitali del marketing, con il supporto delle nostre competenze tecnologiche, per competere sulle nuove piattaforme globali”.Nell’ambito del processo di quotazione su Euronext Growth Milan – Segmento Professionale, la società è stata assistita da: Integrae SIM (EGA e Global Coordinator), Madison – Corporate Finance (Financial Advisor), RSM (Audit Firm), Chiomenti (Advisor Legale e Fiscale) IR Top Consulting (Investor & Financial Communication).(Foto: © Federico Rostagno | 123RF) LEGGI TUTTO