in

Ex Ilva, Consulta: “Legge cambiata, valuti il giudice”

(Teleborsa) – Le diverse modifiche normative “sopravvenute” sullo scudo penale per l’ex Ilva di Taranto hanno portato a una “tale evoluzione” del quadro delle disposizioni che “non può spettare che al giudice rimettente valutare in concreto” la loro incidenza “sia in ordine alla rilevanza, sia in riferimento alla non manifesta infondatezza delle questioni di legittimità costituzionale sollevate”.

Così la Corte Costituzionale ha motivato la decisione del 9 ottobre scorso di restituire gli atti al gip di Taranto. Il riferimento è alle modifiche delle norme del 2015, più volte cambiate, che hanno consentito allo stabilimento Ilva di continuare la produzione e hanno esonerato da responsabilità penale i soggetti “che hanno dato e danno attuazione al piano di risanamento, in quanto non rispettose di vari principi costituzionali, tra cui, anzitutto, quelli relativi alla tutela della salute e dell’ambiente”.

La Consulta rimandò gli atti al gip, il quale, considerato che nel frattempo il legislatore è intervenuto due volte (dl n. 34 del 2019 e successivamente dl n.101 del 2019, in corso di conversione in legge), dovrà valutare “se permangono la rilevanza delle questioni e i dubbi di legittimità costituzionale“.

“L’evoluzione del quadro normativo – chiarisce la Consulta – non può spettare che al giudice rimettente valutare in concreto l’incidenza delle sopravvenute modifiche legislative sia in ordine alla rilevanza, sia in riferimento alla non manifesta infondatezza delle questioni di legittimità costituzionale sollevate”.


Fonte: http://news.teleborsa.it/NewsFeed.ashx


Tagcloud:

Palermo insegue il sogno del tunnel

USA, sotto le attese la fiducia consumatori del Michigan a novembre